«Malpensa, l’hub vola più di Fiumicino»

Le cifre di Alitalia sono tutte favorevoli al Nord, in calo a Fiumicino. I movimenti della compagnia e il numero di passeggeri sono in numero maggiore a Malpensa, sia per i voli all’interno della Ue, sia sul lungo raggio. Le cifre relative all’ultimo mese di febbraio confermano il trend positivo a Malpensa e negativo nella Capitale: l’hub lombardo decolla, a dispetto di chi vorrebbe ridimensionarne il ruolo a favore di Roma. Ma continua a esserci sproporzione nel personale impiegato: 18mila dipendenti a Roma contro i mille del sistema aeroportuale milanese. Per Dario Balotta, leader lombardo della Fit Cisl trasporti, un impiego delle risorse che non trova spiegazione: «In questo momento Alitalia non ha la giusta locazione di personale navigante, tecnico e di terra. Una sproporzione a prescindere dalla polemica sulla definizione di hub». Strategico il ruolo delle sigle sindacali di Alitalia che sono contrarie all’assunzione di personale al Nord: «Bisogna interrompere questo atteggiamento romanocentrico, protettivo e garantista - precisa Balotta -. Occorrono meccanismi che premino i risultati con un contratto nazionale più leggero e poi retribuzioni pensate in base ai risultati».