Malpensa, parte la "rivoluzione" del servizio taxi

Dal 9 gennaio è inizia la sperimentazione del nuovo sistema di gestione ideato da Sea per migliorare la qualità e l'efficienza del servizio: percorso obbligato per i tassisti con sbarre automatiche di riconoscimento, rete di telecamere di controllo e display elettronici ai posteggi. Limitati i tempi di attesa dei viaggiatori e stop al fenomeno dell'abusivismo<strong><em id="tinymce" class="mceContentBody " dir="ltr"></em></strong>

Novità in arrivo all’aeroporto di Milano Malpensa per quanto riguarda il servizio taxi. Dal 9 gennaio prossimo parte la fase di sperimentazione del nuovo servizio ideato da Sea, la società che gestisce lo scalo, che prevede un percorso obbligato per i tassisti, regolamentato da sbarre automatiche di riconoscimento, da una rete di telecamere di controllo e display elettronici ai posteggi.

L’obiettivo è quello di migliorare l’offerta ai passeggeri in arrivo, limitare i tempi di attesa dei viaggiatori, eliminare il fenomeno dell’abusivismo, dare la possibilità di effettuare anche le corse brevi per gli spostamenti di pochi chilometri che spesso i tassisti si rifiutano di effettuare. Con il progetto si azzera la presenza di taxi-pirata e si elimina la possibilità di non rispettare le code.

Vediamo come funziona il servizio. Ogni tassista accreditato al Servizio aeroportuale lombardo verrà dotato di un TAG R-FID Contactless, fornito al tassista e incollato sul parabrezza da un tecnico del Servizio auto pubbliche del Comune di Milano. Il TAG R-FID dovrà essere caricato economicamente presso la cassa presente al “Polmone di sosta”. Al tassista in regolare turno di servizio, che entrerà nel “Polmone di sosta” e poi alla “Banchina di carico” dei passeggeri, verrà attribuito un numero progressivo che comparirà sui pannelli informativi posti nei vari settori del “Polmone di sosta” e della “Banchina di carico”. L’ingresso al Polmone di Sosta avverrà tramite doppia sbarra e sotto il controllo di telecamera collegata alla Centrale operativa.

La Centrale di controllo, che si trova al Terminal 1 di Malpensa, chiamerà i tassisti alla Banchina di carico tramite i monitor nel Polmone di sosta. I taxi interessati dovranno uscire dal Polmone di sosta ed entrare nella Banchina dic arico secondo i rispettivi tempi, di uscita o di ingresso. Alla Banchina di caric” potranno accedere esclusivamente gli operatori cha hanno preventivamente transitato nel Polmone di sosta.

A ogni uscita dalla Banchina di carico il tassista dovrà pagare la tariffa predeterminata nella Dgr Lombardia 1198 del 24.1.2003, che in sede di prima applicazione non potrà essere superiore ad 1 euro a corsa scaricato tramite TAG R-FID. Al termine del turno i tassisti lasceranno Banchina di carico e Polmone di sosta. Nel caso in cui un tassista dovesse caricare un cliente per una località prossima all’aeroporto percorribile in 30 minuti (andata e ritorno) accederà al Polmone di sosta e verrà inserito nel sistema con priorità di accesso alla Banchina di carico, rispetto agli altri taxi in graduatoria.

Il progetto di regolamentazione della gestione taxi nell’area aeroportuale rientra nel più ampio piano di revisione dell’accessibilità allo scalo. Sea ha già individuato i nuovi parcheggi per i noleggiatori Ncc, ha trovato un accordo con i Comuni della zona per assumere gli ausiliari della sosta e sta lavorando per la realizzazione di corsie riservate per i collegamenti aeroportuali tramite bus e pullman Gran Turismo, nonché per le navette dei parcheggi esterni.

Intanto sono iniziate le fasi di collaudo del sistema di gestione taxi al Terminal 1. Sea informa, tra l’altro, a tutti gli autisti che devono registrare il proprio veicolo al Servizio, che da lunedì 09 gennaio potranno prenotare la visita all'Ufficio auto pubbliche del Comune di Milano, in via Messina attraverso i numeri di telefono: 02.88445750, 02.88445754, 02.88445756. Tutti gli autisti che hanno depositato un indirizzo e-mail riceveranno la convocazione per posta elettronica.

GUARDA LO SPECIALE: LE ALI DI MILANO