«Malpensa: pronti a pagare di più per salvare l’hub»

Per il 56,46% dei milanesi è il governo il responsabile della situazione di Malpensa, il 33,18% ritiene che Alitalia abbia contribuito pesantemente al declino dell’hub, mentre solo il restante 10,36% colpevolizza le istituzioni locali. Sono i risultati del sondaggio lanciato dal movimento d’opinione «I Love Malpensa» promosso dalla compagnia aerea EasyJet, che ha condotto 1.500 interviste raccolte durante la manifestazione organizzata alla stazione di Milano Cadorna e quelle pervenute sull’apposito sito web. Sulle soluzioni per risollevare le sorti di Malpensa, il 38,42% ha auspicato un maggior coinvolgimento delle compagnie low cost, la soluzione «italiana» riscuote il 34,69%, mentre la possibilità che una compagnia aerea straniera tradizionale possa rappresentare una valida alternativa, è stata votata dal 26,89% dei partecipanti. Dal sondaggio emerge, inoltre, che l’85,53% degli intervistati sarebbe disposto a pagare di più i propri voli pur di garantire un futuro a Malpensa e ai suoi dipendenti.