Malta, affonda carretta di clandestini

da Lampedusa

Un barcone carico di clandestini si è spezzato scontrandosi contro le gabbie per la pesca dei tonni a 50 chilometri a sud di Malta. Sei immigrati sono dispersi e tra loro ci sono dei bambini. I ventotto somali sopravvissuti sono stati trovati aggrappati alle gabbie al largo dell’isola dall’equipaggio di una motovedetta della marina maltese. L’allarme era stato lanciato dai marinai di un peschereccio. Il mare nella zona è molto agitato. Una motovedetta ed un elicottero della marina maltese sono sullo specchio d’acqua e cercano altri naufraghi. È la terza volta in una settimana che gruppi di immigrati hanno trovato salvezza aggrappandosi alle gabbie dei tonni nel Mediterraneo.
Ieri a Lampedusa, su sette diverse imbarcazioni fermate da unità navali della Finanza e della Guardia costiera a largo di Lampedusa, sono arrivati 404 clandestini. E il vicesindaco Angela Maraventano ha messo in scena una protesta densa di provocazione: «Voglio trovare un passaggio per Tripoli». La senatrice della Lega Nord ha deciso di sbarcare sulle coste nordafricane. «Ho chiesto ai comandanti delle motovedette della Capitaneria e della Guardia di Finanza - spiega - di accompagnarmi in Libia, ma si sono rifiutati. Adesso mi sto rivolgendo ai pescatori, sono sicura che qualcuno mi aiuterà».