Maltempo, in arrivo 15 milioni

A causa del forte vento dell’altra notte, ieri mattina in via delle Fabbriche, nel quartiere di Voltri, un albero si è abbattuto su un'auto con all'interno il conducente. L'uomo è rimasto lievemente ferito alla testa ed è stato soccorso da un'ambulanza del 118 che lo ha trasferito in codice verde al pronto soccorso di Voltri. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per la rimozione dell'albero. Nella notte un altro albero era caduto in via dei Giovi.
Situazione pesante soprattutto nel Savonese. Sempre l’altra notte, infatti, decine di famiglie sono state fatte evacuare nella notte a Savona a causa del maltempo. A Savona la situazione più critica si è registrata nella zona della Rusca, dove uno smottamento in via Nervi ha provocato il cedimento di un muro di contenimento minacciando due palazzi che si trovano di via Gozo. Per motivi precauzionali sono state sgomberate sedici famiglie che hanno dormito presso amici e parenti.
Sono stati fatti evacuare anche gli abitanti di altre due palazzine che si trovano in via Genova e in via Turati: trenta famiglie hanno dovuto abbandonare le loro case ed hanno trascorso la notte presso i Salesiani e all'Hotel Ghione.
Anche una ventina di anziani della casa di riposo delle suore Minime di via Famagosta sono stati allontanati per precauzione. Numerose anche le frane e gli smottamenti che hanno causato la chiusura dell’Aurelia a Celle per diverse ore.
Complessivamente nel giro di 12 ore su Savona e provincia si sono abbattuti 200 millimetri di pioggia.
L’allarme maltempo comnunque è rientrato e ieri, durante la seduta della VIII Commissione Ambiente, di cui fa parte l’onorevole Eugenio Minasso, è stato chiesto al Governo uno stanziamento iniziale di 15 milioni di euro per far fronte ai danni dell’alluvione in Liguria e Marche.
Intanto, proprio a causa delle conseguenze del nubifragio, ieri la Regione Liguria ha chiesto a Governo e Protezione civile l’estensione dello stato di emergenza per il violento maltempo nel Savonese.