Maltempo nel Salernitano Straripano quattro fiumi Disastri e mille evacuati

Pioggia e vento in Campania, esondano Tanagro, Sarno e Sele: mille persone evacuate. Stanno bene i tre dispersi. Danni alle coltivazioni e strade invase dal fango. I vigili del fuoco sono al lavoro dalla notte: <strong><a href="/video/esondazioni_salernitano/id=Esondazioni_Salerno" target="_blank">guarda il video
</a></strong>

Salerno - Ancora forti disagi dovuti alla violenta ondata di maltempo. A essere colpito questa volta è il Salernitano, dove l'esondazione del fiume Tanagro sta creando gravi problemi. Il Vallo di Diano, vasto comprensorio a sud di Salerno, si è trasformato in una sorta di grande lago, moltissimi fabbricati sono allagati così come le campagne comprese tra i territori comunali di Sala Consilina, Teggiano e San Rufo.

Evacuazione In un primo momento tre persone, tra cui un uomo a Ponte Rizzo e due soccorritori. risultavano disperse. Per fortuna, sono state ritrovate e stanno bene. A Sala Consilina sei famiglie sono state salvate dopo che erano rimaste bloccate nelle proprie abitazioni invase da fango e detriti. Tutte le strade interpoderali sono impercorribili e la statale 19 in diversi punti è invasa dal fango. L’Anas sta provvedendo al lavaggio del fondo stradale. Interrotta anche la provinciale 39 compresa tra i territori comunali di Teggiano e San Pietro al Tanagro. Allagamenti anche sulla A3.

Danni ambientali Numerosi animali vagano per le campagne dopo essere fuggiti dalle stalle tutte allagate. Ingenti i danni alle colture agricole delle zone colpite che sono andate completamente distrutte. Intanto il maltempo non si placa. Continua a piovere e persistono su tutto il comprensorio forti raffiche di vento che stanno continuando ad abbattere alberi.

Emergenza Sempre nel Salernitano, circa 500 persone sono state evacuate per precazione dalle loro abitazioni nelle località Trentalone di Gromola e Ciurnito del comune di Capaccio-Paestum, a causa dello straripamento del fiume Sele in almeno tre punti. La furia dell’acqua ha invaso colture e i piani bassi delle abitazioni e ha danneggiato tre chilometri di conduttore a ponte. Per riparare i danni, ci vorranno almeno 30 giorni di lavoro, ma soprattutto circa 6 milioni di euro. È quanto emerge dopo una riunione tecnica in prefettura, a Salerno, nella quale si è anche deciso di approvvigionare di acqua potabile i 14 comuni serviti da quel rame di acquedotto. Domani mattina saranno messe a punto, sempre in prefettura, le modalità di questi rifornimenti. 

L'allarme "La situazione è grave e il pericolo non è ancora scongiurato". Così il sindaco di Capaccio-Paestum, Pasquale Marino. 
"Stiamo monitorando attentamente il livello del Sele - ha aggiunto il sindaco- sono contento perché lo sgombero delle famiglie di ieri sera, prima dello straripamento del Sele, ha evitato una tragedia, d’altro canto, i danni sono ingentissimi e chiederemo lo stato di calamità naturale".   

Esondazioni Nell’agro sarnese nocerino, il torrente Solofrana, che affluisce nel fiume Sarno a Pagani, ha rotto gli argini. Gravi i disagi e numerose le famiglie fatte sgomberare. Lo stesso fiume Sarno è straripato con cedimento degli argini in località Loreto Ortolonga. Centinaia gli interventi dei vigili del fuoco. A Ponte Barizzo, nel comune di Eboli, numerose persone sono state soccorse dai vigili del fuoco con l’utilizzo di mezzi anfibi. A Ponte Barizzo, a Capaccio, tre persone sono rimaste aggrappate a un tronco di albero per evitare di venire trasportati dalla corrente del fiume. Sono state raggiunte dai soccorritori e imbragati per essere portati sulla riva. Mentre un uomo, Elio Mottola, il quale era finito in acqua nel tentativo di salvare alcuni animali finiti nel Sele, è ricoverato all’ospedale di Agropoli per ipotermia, ma le sue condizioni non destano preoccupazione. A Sarno e Siano permane lo stato di preallarme scattato nel pomeriggio di ieri.

Il commento di Bertolaso Il capo della protezione civile Guido Bertolaso ha fatto il punto sui danni provocati dal maltempo durante il suo intervento alla Camera. "In questo momento risultano evacuate a scopo precauzionale circa mille persone nel Salernitano - ha detto Bertolaso -, ma la situazione più preoccupante è quella dell’acquedotto del Sele, danneggiato seriamente". "Pensiamo che per circa 30 giorni, lavorando per 24 ore al giorno - ha concluso il capo della Protezione Civile - sarà necessario fornire acqua potabile in maniera diversa a circa 500mila persone di Salerno e della provincia".