Maltempo, Nord sotto la neve: aeroporti in tilt

Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Liguria, Veneto e Trentino si sono svegliate sotto una fitta nevicata: la perturbazione è arrivata a mezzanotte (<strong><a href="/video.pic1?ID=italianord_neve">guarda il video</a></strong>). Disagi su 700 chilometri di rete autostradale. A Milano disagi a Linatee a Malpensa

Milano - Nevica intensamente da oltre 10 ore su circa 700 chilometri di autostrade in Piemonte, Liguria e Lombardia. Ma i disagi alla circolazione sono per ora limitati. Dalla serata di ieri è in atto una forte perturbazione nel Nord Ovest del Paese, con nevicate molto intense che interessano in particolare la A6 Torino-Savona, A26 Genova Voltri-Gravellona Toce, A7 Genova-Serravalle, A8 Milano-Varese, A9 Linate-Como Chiasso. Nevica debolmente anche sull'autostrada del Sole, tra Milano e Parma, sulla A4 Milano-Brescia, sulla A24 Roma-L'Aquila tra Carsoli e Assergi e A25 dall'allacciamento con l'A24 e Avezzano. Si registra inoltre nevischio sulla A10 tra Celle Ligure e Savona e sulla A12 tra l'allacciamento con l'A7 e Genova Nervi. Dalla serata di ieri è in corso il piano operativo di autostrade per l'Italia e della polizia stradale, per garantire la regolarità della circolazione nonostante le difficili condizioni meteorologiche. Al momento viene attuato il fermo temporaneo dei mezzi pesanti sulla A6, sulla A7 e sulla A26, con successivo servizio di "navetta" dei mezzi pesanti da parte dei mezzi sgombraneve. Al momento non si segnalano particolari disagi. Si prevede che la perturbazione nevosa continui sino alla serata di oggi: al momento, per chi da Milano è diretto verso sud si consiglia il percorso alternativo sulla A4 verso Venezia e quindi in A13 da Padova verso Bologna, infine percorrere la A14 Adriatica. Percorso inverso per chi dal sud procede verso Milano. Autostrade per l'Italia invita gli automobilisti e gli autotrasportatori a mantenersi costantemente informati sulle condizioni meteo e di viabilità, prima di intraprendere il viaggio e a considerare tempi di percorrenza maggiori per la ridotta capacità della infrastruttura a causa dell`operatività dei mezzi spazzaneve. Si consiglia di mettersi in viaggio nei tratti interessati da nevicate abbondanti solo se strettamente necessario e muniti di catene a bordo o con gli pneumatici invernali.

Aeroporti in tilt Operativi, ma con gli inevitabili disagi causati dalla abbondante nevicata, gli scali milanesi di Linate e Malpensa. La necessità di ripulire continuamente le piste provoca ritardi, ma al momento - assicurano alla Sea - non c’è stata nessuna cancellazione. Ritardi che a Linate - dove quattro voli in arrivo sono stati dirottati su Malpensa - sono più consistenti visto che lo scalo dispone di una sola pista. Più contenuti invece a Malpensa, provvista di due piste che possono funzionare alternativamente. Per fronteggiare l’emergenza, Sea ha messo all’opera una vera e propria task force: oltre 100 uomini e altrettanti mezzi a Linate e 750 uomini e 273 mezzi a Malpensa.

Disagi a Caselle Sono circa 200, secondo il racconto dei passeggeri, le persone che stamattina non sono ancora riuscite a partire dall’aeroporto di Torino Caselle con i voli Air One, con destinazione Roma, a causa dell’assenza dei comandanti bloccati a casa dalla neve. È invece regolarmente partito quello diretto a Napoli. "È una cosa indegna di un paese civile - commenta lo psichiatra Alessandro Meluzzi che fa parte dei passeggeri che sono bloccati all’aeroporto - per questo motivo molti di noi hanno deciso di presentare un esposto-denuncia per interruzione di pubblico servizio. Se siamo riusciti noi ad arrivare in aeroporto, non capisco come mai chi deve prestare un servizio di questo tipo non si sia attrezzato in modo adeguato nonostante abiti a una decina di chilometri dall’aeroporto". Davanti al posto di polizia i passeggeri infuriati sono in coda per presentare le denunce. Secondo informazioni raccolte a Caselle dagli stessi passeggeri attraverso fonti della compagnia, AirOne starebbe facendo arrivare un comandante da Roma a Torino. Dei tre voli per la capitale (6.45, 7.55, entrambi ufficialmente in ritardo, e 9.40 cancellato per questioni di operatività) è probabile che ne parta solo uno. Partiti invece regolarmente altri voli AirFrance, Lufthansa e Iberia.

Milano sotto la neve Milano questa mattina si è svegliata sotto un manto bianco di circa cinque centimetri. La neve è iniziata a cadere intorno a mezzanotte circa e non accenna a smettere. Alle 7, quando solitamente le strade sono ancora sgombre, le circonvallazioni erano già intasate dai numerosi automobilisti che hanno deciso di muoversi prima del solito. Sulle strade, dove non sembrano essere passati i mezzi spargisale, le auto procedono a passo di marcia. Forti rallentamenti anche sull’A7 verso Genova, ma soprattutto sull’A8 e l’A9 in direzione Milano, dove le macchine sono quasi ferme e i mezzi pesanti vengono deviati fuori dalle autostrade. La situazione maltempo, per i vigili del fuoco, a Milano è ancora sotto controllo: una trentina gli interventi, soprattutto per alberi caduti, effettuati da ieri sera a questa mattina. È la seconda volta, in poche settimane, che nevica a Milano, che si era già svegliata sotto una coltre bianca lo scorso 28 novembre.