Maltempo, a Roma 13enne ucciso da un albero

Nicolò B. è rimasto schiacciato da un pioppo di 12 metri. Giocava con gli amici, si era riparato per il temporale, ma un fulmine ha colpito l'albero. L'incidente al Tuscolano, in periferia. Il 13enne è morto all'ospedale Vannino, dov'era arrivato in codice rosso. Aperta un'inchiesta. Altre piante cadute: feriti in tutta la città

Roma - Un ragazzino di 13 anni è morto dopo essere stato colpito da un albero caduto a causa del maltempo. Il fatto è avvenuto nella zona periferica al Tuscolano. Il ragazzino è arrivato all’ospedale Vannini in codice rosso dove poi è deceduto. Nicolò B., secondo quanto si è appreso, stava giocando con gli amici nel giardino in via Lucio Mario Perpetuo, al Tuscolano. Sorpreso dal temporale stava cercando di tornare a casa. Ma la pianta è stata colpita da un fulmine ed è crollata, abbattendosi sul ragazzo. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia Casilina. Il bambino, secondo primi accertamenti, sarebbe morto per la frattura dell’osso del collo e un arresto cardiaco.Le sue condizioni erano apparse subito molto gravi ed è stato trasportato con l’ambulanza all’ospedale Vannini. Poco dopo, però, a causa delle lesioni, il tredicenne è morto.

Inchiesta della procura La procura di Roma ha disposto accertamenti per stabilire con certezza le cause che hanno determinato lo sradicamento dell’albero che ha travolto il ragazzo di 13 anni, morto poco dopo in ospedale. A collaborare all’indagine sarà anche un collegio di agronomi che dovranno chiarire i motivi che hanno causato la caduta del pioppo di 12 metri, sdradicato dalle radici. Per questo motivo domani è previsto un sopralluogo nella zona colpita dalla tromba d’aria e dal nubifragio. Gli esperti dovranno stabilire, in sostanza, se l’albero fosse malato e pericolante o se la violenza della tromba d’aria possa essere stata la causa della caduta. I carabinieri dovranno invece ascoltare alcuni testimoni, compresi gli amici del ragazzo morto.

Paura in città Sono centinaia le chiamate giunte ai centralini dei vigili urbani, dei sanitari del 118 e dei vigili del fuoco di Roma a causa del violento nubifragio che si è abbattuto sulla città. Personale potenziato in entrambe le sale operative per poter rispondere a tutte le richieste di intervento da parte dei cittadini. In modo particolare le operazioni riguardano gli alberi caduti sulle auto in transito o in sosta. Tra questi un grosso albero si è abbattuto su alcune auto parcheggiate vicino al Ponte Duca D’Aosta dove stanno intervenendo i pompieri con l’autogru. In una delle macchine c’era una donna incinta che ha rifiutato il ricovero. Altri vigili del fuoco al lavoro in via Sorano angolo via Venosa, a Quarto Miglio, per un albero caduto su una macchina. Una persona è rimasta incastrata nella vettura. Stesso intervento sulla carreggiata esterna del Grande Raccordo Anulare all’uscita tra l’Ardeatina e la Laurentina dove un uomo ha riportato la frattura di un braccio per un albero caduto sulla sua macchina. Vigili urbani al lavoro per regolare il traffico in via Aurelia Antica 59 dove un albero ha ostruito la carreggiata, così come in via Pietro Gasparri a Torrevecchia, in via Avezzano, al Casilino, in viale Aventino, davanti al palazzo della Fao e davanti alla postazione del 118 in via Santa Maria della Pietà dove le ambulanze sono rimaste bloccate per 30 minuti circa. Agenti della polizia municipale al lavoro anche per un allagamento in via Portuense angolo via Pacinotti.

Altri alberi caduti Dalle 16,30 circa, a causa del nubifragio che si è abbattuto sulla Capitale, due alberi caduti rispettivamente su un tratto della linea ferroviaria Roma Pantano e sulla Roma Lido tra Acilia e Ostia Antica, stanno creando problemi al normale funzionamento dei due tracciati ferroviari. I treni della Roma Pantano stanno effettuando servizio solo tra le stazioni di Centocelle e quella di Laziali mentre sulla Roma Lido, i treni viaggiano alternati su binario unico.