Maltempo in tutta Italia E con il gelo arriva l’influenza «Pacifica»

da Milano

Arriva l’inverno sull’Italia: a partire da domani una perturbazione di origine siberiana porterà sul nostro Paese temporali, venti molto forti, nevicate attorno ai mille metri e un progressivo abbassamento delle temperature - che in alcune zone potranno raggiunge lo zero - anche di 10-12 gradi.
Secondo gli esperti del Dipartimento della Protezione Civile, la situazione non dovrebbe migliorare prima dell’inizio della settimana prossima, anche se essendo quelle attuali stime a medio termine non è escluso che vi possano essere dei cambiamenti nelle valutazioni con l’avvicinarsi della perturbazione.
La «prolungata e marcata» perturbazione polare in arrivo dalla Siberia dovrebbe raggiungere l’Italia mercoledì, scacciando definitivamente l’anticiclone che ha garantito le attuali condizioni climatiche, ma è tra giovedì e venerdì che dovrebbero manifestarsi i fenomeni più forti. Per giovedì gli esperti prevedono piogge intense e diffuse sulle regioni centrali e adriatiche, con venti in costante aumento e temperature in calo al centro-nord. Nella giornata di venerdì ci sarà un’ulteriore intensificazione del maltempo con venti molto forti e freddi da est sia al sud sia sulle regioni centrali adriatiche. Stesse condizioni gli esperti si aspettano nel fine settimana, anche se le temperature scenderanno ancora raggiungendo lo zero a quote poco più che collinari.
In arrivo, insieme al maltempo, anche l’influenza, che quest’anno si chiamerà «pacifica». Secondo il primo «identikit» il virus arriverà quest’anno dall’area dell’Oceano Pacifico, più precisamente dalle isole Salomon.
Si stima che il virus influenzale metterà a letto dai tre ai cinque milioni di italiani. Quanto al periodo di «esordio», l’influenza arriverà con le strenne natalizie e colpirà proprio a partire da metà-fine dicembre. Prima arma per prevenire l’influenza, ricordano gli specialisti, resta quella del vaccino. Ed un motivo in più per vaccinarsi arriva anche da uno studio sui costi sociali dell’influenza, delle Università Cattolica e Tor Vergata di Roma: 30 miliardi è il costo dell’influenza quest’anno solo per la fascia di popolazione 50-64 anni, ma se la stessa fascia fosse vaccinata si arriverebbe ad ottenere un risparmio, in termini di costi sociali, pari a 700 milioni.