Mamma poliziotta uccide la figlia e si suicida

I cadaveri sono stati trovati questa mattina in un’auto parcheggiata
a Pieve a Nievole (Pistoia). La madre, Cecilia Chilleri, soffriva di depressione e sbalzi di umore: l'ex marito aveva chiesto l'affidamento della figlia

Pistoia - Una poliziotta, sostituto commissario, ha sparato alla figlia di 9 anni e poi ha rivolto contro di sé l’arma e si è tolta la vita. È successo a Pieve a Nievole.

Il ritrovamento dei corpi I corpi della donna e della bambina sono stati ritrovati questa mattina in un auto, parcheggiata in una piazza di Pieve Nievole (in provincia di Pistoia). A scoprire i due cadaveri è stato un automobilista che ha parcheggiato la sua auto a poca distanza da quella in cui si trovavano i due corpi senza vita. La donna, Cecilia Chilleri, 51enne ispettrice di polizia in servizio a Firenze, si stava separando dal marito, un poliziotto che lavora alla Questura di Prato. Secondo quanto emerso, la donna ha sparato con la pistola di servizio alla figlia Chiara, di 9 anni, e poi ha esploso un colpo contro di sé. Mamma e figlia erano in un’auto parcheggiata in una piazza di Pieve a Nievole (Pistoia).

Il dramma familiare Aveva già chiesto l’affidamento della figlia, il poliziotto di Prato sposato con la Chilleri. La donna, secondo quanto appreso, avrebbe sofferto di una profonda depressione e di sbalzi di umore tanto gravi da convincere l’uomo a chiedere la separazione e l’affido della figlia. Sempre secondo quanto appreso la donna ha parcheggiato la propria auto nella piazza don Moro, in uno spazio dietro all’ufficio postale, quindi ha ucciso la figlia e si è poi sparata un colpo in bocca.