Mamme over 40 Italia da record: fertilità a rischio

Il primo fiocco fuori dalla porta solo dopo i 40 anni: le mamme italiane sono le più «tardone» dell’Occidente. Prima pensano alla carriera, poi cercano l’uomo giusto. E finalmente, messi da parte un po’ di soldi per mantenerlo, fanno un figlio, dopo il famigerato traguardo degli «anta».
Così l’Italia si è guadagnata il primato di Paese occidentale con la natalità più tardiva, con una media di quasi cinque bambini ogni cento (4,6%) partoriti da donne over 40. E spesso, quel figlio rimane unico. Il dato, relativo al 2005, è stato elaborato, su base Istat, da Francesco Billari, demografo dell’università Bocconi di Milano. Sorprendentemente, le mamme che aspettano di più sono quelle Sarde. Nell’isola, i nati da madri over 40 sono il 7,2% (con picchi dell’ 8,3% a Oristano). Anche in altre parti d’Italia, l’arcangelo Gabriele arriva davvero in ritardo: in alcune grandi province come Bologna, Firenze, Genova e Roma, la cifra raggiunge il 6%. «Gravidanze over 40 erano normali in passato - commenta Billari - ma solo perchè si facevano molti più figli. La novità, adesso, è che si tratta del primogenito». Insomma, l’ambizione viene prima. Insieme ad un altro fattore che spingerebbe le donne a posticipare: le moderne tecniche di riproduzione medicalmente assistita, che «rischiano di illudere le donne di poter attendere a lungo il momento giusto, senza capire quanto sia costosa e a rischio l’inseminazione artificiale».