Manager prepotenti addio, ora nelle aziende fanno carriera i gentlemen

Capi prepotenti, colleghi arrivisti, manager senza scrupoli: la pacchia è finita. Oggi per far carriera bisogna essere dei gentlemen. A sostenerlo è Asseprim, l’associazione che riunisce oltre 600 imprese italiane specializzate in servizi alle aziende (assicurativi, finanziari, comunicazione, consulenza) che proprio in questi giorni ha pubblicato il primo «Galateo dell’azienda». Sottotitolo: «Guida alla valorizzazione del capitale umano». In pratica, un elenco di buone maniere per imprenditori e dipendenti.
Stilato dal Gruppo etica Asseprim e stampato in 1.500 copie disponibili presso la sede di corso Venezia (previa richiesta al numero 02-7750426), il documento affronta tre grandi aree tematiche, che vanno dai principi etici condivisi («È dovere del datore di lavoro affidare ruoli di responsabilità a uomini e donne indistintamente») ai rapporti con il personale e con i collaboratori («Se un collaboratore ritiene che una procedura aziendale sia migliorabile, può – ed è auspicabile che lo faccia - esporre la propria idea al suo superiore») ai rapporti con i terzi («Se l’omaggio di un fornitore ha un valore eccessivo, è bene restituirlo con il dovuto garbo al mittente»). «È dimostrato – spiega Enrico Taglione, responsabile del Gruppo etica – che un costruttivo rapporto di partnership ha un effetto positivo in termini di efficienza. Allo stesso modo, i comportamenti di imprenditori e dipendenti sono influenzati dall’aspirazione a mantenere una buona reputazione sul mercato e con i clienti».
Ma perché un «galateo» quando esistono già strumenti come leggi, contratti, statuti e codici deontologici? «La nostra associazione – spiega il presidente Umberto Bellini – annovera nel suo complesso decine di migliaia di dipendenti. Da qui la convinzione di porre una doverosa attenzione all’atteggiamento etico dell’imprenditore che è per noi, innanzitutto, un modo di essere e di agire nella quotidianità. Lo scopo – continua Bellini – è riproporre, in chiave moderna, l’insieme di regole e comportamenti che tutti in fondo conosciamo, ma che spesso vengono dimenticati o sottovalutati». Un nuovo «Galateo» per dettare regole che esistono da sempre: quelle della buona educazione e del buon senso.