La «manata» Non esiste un caso Robinho

In materia di regolamento, spesso gli sfondoni sono dietro l’angolo. Passi per quello commesso da Sky (dixit De Grandis) che considera il giallo per il mani solo in caso di interruzione di azione pericolosa (esiste anche il fallo tattico) ma fare paragoni tra Krasic a Bologna e la mezza caduta di Robinho toccato sul petto da Aronica è il massimo. Occhio al regolamento, allora: è possibile invocare la sanzione per la simulazione solo nel caso in cui il calciatore arrechi danno vistoso all’avversario oppure tragga in inganno l’arbitro ottenendo un premio non dovuto (esempio classico il rigore).