Manca: «Via alle opere in via Triboniano ma serve lo sgombero»

I lavori di riqualificazione cominceranno in ogni caso entro la fine di settembre. Ma l’assessore comunale alla Sicurezza, Guido Manca, torna a fare pressione su prefetto e questore di Milano perché al più presto sgomberino il campo nomadi di via Triboniano. «Stiamo predisponendoci comunque a partire con gli interventi - assicura -, allestendo una piccola area esterna che ci consenta al limite di procedere con i lavori per aree, spostando via via piccoli gruppi dei nomadi regolari nel corso delle opere. Ma in questo modo il processo di riqualificazione sarà molto più lungo del previsto».
L’assessore Manca ricorda che ritardare la partenza delle opere «causerebbe grosse difficoltà al Comune, e l’impresa che si è aggiudicata i lavori potrebbe anche rescindere il contratto. Per questo non possiamo attendere oltre la fine del mese». Palazzo Marino torna dunque a chiedere «come già fatto ripetutamente» a prefettura e questura - «da cui per ora non arrivano segni di vita» -, di provvedere allo sgombero dei nomadi irregolari entro la fine di settembre». Dopo la ristrutturazione, il campo ospiterà solo i regolari e sarà controllato in maniera più adeguata.