Manca la luce: alle urne con la torcia

Quel che è certo è che l’atmosfera non è mancata all’interno delle cabine elettorali. Ieri sera, nella scuola elementare di via Foscolo a Rozzano, comune al confine con Milano, dalle 20.30 di sera si è votato con l’illuminazione delle torce a causa della mancanza improvvisa di energia elettrica. Non si conoscono le cause dell’interruzione, probabilmente dovuta a un caso fortuito.
La Lega Nord «non ci vede chiaro» e lancia subito l’allarme. L’europarlamentare del Carroccio, Mario Borghezio, ha qualche sospetto: «Il segretario provinciale della Martesana Marco Rondini - spiega - ci ha comunicato questo problema. C’è qualcosa di sospetto o di strano perché è una zona dove la Lega prende tanti voti». Lo stesso Rondini sostiene che il fatto sia strano: «La luce manca solo nell’istituto e certamente votare così è un problema soprattutto per gli anziani».
Intanto, nella sezione, per le ultime ore di affluenza ci si è organizzati alla meglio, scortando gli elettori dall’ingresso fino al loro seggio e fornendo ogni cabina di una torcia d’emergenza.