Manchester Basta un pari con l’Arsenal per il diciottesimo titolo: è l’11° «griffato» Ferguson

Manchester United campione d’Inghilterra, ormai è un’abitudine, ma stavolta vale doppio: vincendo il loro 18º titolo i Red Devils raggiungono infatti il Liverpool in cima alla classifica delle squadre «pluriscudettate» in Inghilterra. Contro quell’Arsenal che nelle semifinali di Champions aveva incassato dallo United due brucianti sconfitte stavolta è un match giocato a non farsi male, e infatti finisce 0-0. Ma quel punto basta agli uomini di Sir Alex Ferguson (undicesimo titolo per lui) per far impazzire i 76mila dell’Old Trafford, tra cui il re dello sprint Usain Bolt. Aspettando la finale di Champions a Roma contro il Barcellona, quella dei rossi di Manchester è una stagione da incorniciare, durante la quale hanno vinto il Mondiale per club in Giappone, poi la Coppa di Lega e adesso il campionato. Se non ci fosse stato l’imprevisto scivolone nella semifinale di Coppa d’Inghilterra contro l’Everton avrebbero potuto tentare un en plein storico. A Ferguson, che adesso vuole ad ogni costo anche la Coppa dalle grandi orecchie, va bene così e il titolo di ieri non sembra certo la fine di un’epoca, vista l’età media di una squadra che promette di durare a lungo. E promette faville anche l’italiano - non ancora maggiorenne - Federico Macheda che in questa stagione ha siglato due reti fondamentali.