Manchester United-Barcellona È una notte di magie e timori

STOP ALLE TRUFFE Controlli su taxi e Ncc, sui bagarini e sui biglietti falsi ma anche sul merchandising contraffatto Ancora polemiche sull’ordinanza antialcol

È la notte dei 70mila dell’Olimpico e delle centinaia di milioni di persone che in tutto il mondo si sintonizzeranno con Roma. È la notte che Roma brama e un po’ teme da mesi. Stasera è Manchester United-Barcellona, è la prova del fuoco per la capitale, l’ora di dimostrare di potere ospitare in tutta sicurezza un evento di tale portata. Lo scenario c’è, tutto il resto si va preparando.
Considerando le abitudini etiliche delle tifoserie, in particolare di quelle britanniche, tutto ruota attorno al rispetto della delibera che vieta dalla 17 di ieri e fino alle 6 di domattina la vendita e la somministrazione di alcolici e superalcolici nel centro e nelle zone intorno allo stadio Olimpico. Ieri gli esercenti, per voce di Liborio Pepi, presidente della Fipe-Confesercenti, hanno ribadito la loro contrarietà al provvedimento, parlando di «effetto-boomerang» dei grandi eventi e chiedendo che almeno venga consentita «la consumazione all’interno delle attività». Da parte sua il presidente della Federazione dettaglio alimentare di Confcommercio Francesco Fabbi teme che «la maggior parte dei turisti non sia a conoscenza dell’ordinanza e domani (oggi, ndr) sarà presa alla sprovvista». A dimostrarlo il fatto che fino a ieri alle 17, ora di inizio del coprifuoco alcolico, non ci sia stato nessun assalto ai negozi e ai supermercati per fare scorta di birra e di altri alcolici. La somministrazione di alcol è vietata anche nei tanti pub inglesi che stasera saranno presi d’assalto sia dai tifosi senza biglietto sia dalle tifoserie che vorranno festeggiare (o consolarsi) dopo la partita e che hanno installato maxischermi.
Da ieri sono incominciate anche le previste limitazioni alla circolazione e alla sosta delle auto. Parcheggio off-limits su entrambi i lati di via Sicilia, sui lungotevere Oberdan, della Vittoria, delle Armi, in piazzale Maresciallo Giardino, sulla circonvallazione Clodia, in piazzale degli Eroi, via dello Stadio Olimpico e viale Tiziano, nell’area fra il lungotevere e il piazzale Maresciallo Diaz, oltre che sul piazzale di Ponte Milvio. Dalle 7 di oggi, inoltre, sono state sospese le fermate del trasporto pubblico di piazzale delle Canestre, viale Fiorello La Guardia, viale George Washington, a esclusione del capolinea di via Lubin.
Tanti i fronti da tener d’occhio. Controlli su tassisti e noleggiatori da parte della Squadra vetture del Pronto intervento traffico della polizia municipale per salvaguardare i tifosi da possibili truffe o irregolarità. Giro di vite anche sulla falsificazione, con più di 15mila etichette riproducenti marchi, stemmi e loghi di sponsor del Manchester United e del Barcellona sequestrate ieri a Ciampino dalla Guardia di Finanza. La merce, di produzione cinese, era stata commissionata dai commercianti della zona di via Sannio. Infine controlli anche sul possibile smercio di biglietti falsi, ai quali collaboreranno attorno all’Olimpico anche decine di agenti in borghese della Siae. Ieri due bagarini stranieri sono stati fermati nei pressi dello stadio mentre cercavano di vendere biglietti.
Anche il Campidoglio si è dato da fare per garantire una finale tranquilla, e alla Questura è all’opera una task force composta da personale della polizia municipale, della Protezione civile, di Ama e Servizio Giardini e di Atac, e delle società di trasporti Trambus e Met.Ro, che resterà attiva fino a cessate esigenze. Oggi alle 11 il sindaco Gianni Alemanno farà una visita. Infine dodici ambulanze dell’Ares 118 saranno dislocate all’esterno dello stadio Olimpico, mentre presidi sanitari saranno previsti in alcune piazze del centro storico che per tutta la notte ospiteranno la sarabanda dei tifosi. Massima allerta anche nei pronto soccorso degli ospedali Santo Spirito, Villa San Pietro e Gemelli che, come di norma per le sfide dell’Olimpico, rappresentano i punti di riferimento per l’assistenza ospedaliera in caso di feriti.