Manette ai falsari delle polizze auto

Una banda di falsari e contraffattori di polizze assicurative Rca, operante in tutt’Italia, è stata scoperta, dopo mesi di indagini e riprese video, dai vigili urbani del Git, diretto da Carlo Buttarelli: sei persone, fra le quali una donna, sono state denunciate e decine di polizze falsificate, pronte per essere smerciate in tutto il Paese, sono state sequestrate. La base dell’organizzazione era in un appartamento di un grande condominio in via della Tenuta di Torrenova, all’interno del quale gli agenti hanno sequestrato centinaia di polizze false, macchine per scrivere, computer, stampanti e fotocopiatrici utilizzati nei procedimenti di falsificazione delle polizze. I Vigili hanno trovato anche una delle polizze originali in bianco, con regolari numeri seriali intestate alla Compagnia Assicurativa Lloyd Adriatico, rubate a Roma nel febbraio del 2000, presso la sede della società assicuratrice, in via Lanciani. La polizza, secondo i vigili, era utilizzata come documento originale dal quale poi creare illimitatamente i cloni «perfetti - riferiscono al Git - e quindi in grado di poter indurre in inganno anche esperti operatori di polizia stradale». «Con questa operazione - afferma i comandante Buttarelli - abbiamo inferto un duro colpo alla falsificazione e contraffazione delle polizze assicurative Rca, fenomeno deleterio se si considera che circolano in Italia numerose polizze assicurative false che in caso di sinistri stradali non consentono agli interessati di poter ottenere il dovuto risarcimento dei danni materiali e fisici subiti».