In manette i rapinatori di banche

Li hanno identificati, pedinati, controllati e poi bloccati mentre stavano per mettere a segno una rapina alla filiale di Recco del Banco Popolari di Lodi. Sono due pregiudicati, uno di origini siciliane e l’altro pugliese, che i carabinieri del Reparto Operativo di Genova ritengono autori di almeno quattro rapine compiute in istituti di credito del capoluogo ligure. L’indagine dei militari è partita dopo l’aumento di rapine avvenuto in questo inizio d’anno a Genova (33 complessivamente). I sospetti si sono presto concentrati su due persone, S. C., di 44 anni, di Sant’Agata di Militello (Messina) e V. S., di 29 anni, di Modugno (Bari), gravitanti su Genova, che pur non lavorando dimostravano una disponibilità economica elevata. I due, inoltre, erano somiglianti ad alcuni fotogrammi rilevati in occasione di colpi messi a segno nel capoluogo ligure. I due sarebbero responsabili di almeno quattro rapine compiute tra il 19 gennaio ed il 29 marzo a Genova: due volte alla filiale della BPI (bottino di 22mila euro) e due volte al Banco Popolare di Lodi, filiale di Bolzaneto (10 mila euro) e Sturla (14 mila euro). Le indagini dei carabinieri continuano anche per altri colpi.