In manette usuraio dal mille per cento

La Guardia di Finanza di Genova ha posto fine alla carriera di M.D., usuraio residente a Busalla, e del fratello che, da tempo, vessavano le proprie vittime con tassi di interesse, in media, anche superiori al 1000 per cento annuo. L’indagine condotta dal Nucleo di Polizia Tributaria, sotto la direzione del sostituto procuratore Andrea Canciani, ha provveduto, con decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip Maria Franca Borzone del Tribunale di Genova, alla confisca dei beni mobili (un’autovettura) ed immobili acquisiti grazie al denaro ricavato dal reato di usura, per un valore complessivo che supera il milione di euro. Secondo quanto emerso dalle indagini, i malviventi prediligevano imprenditori ed artigiani della provincia genovese dai quali avevano tratto un profitto esorbitante, nell’ordine di 300.000 euro per quanto finora accertato. Tutto questo emerge dal completamento di una serie di indagini che, in passato, avevano già portato al congelamento di 100.000 euro depositati dagli indagati su conti liguri.