Il maniaco cerca vittime con annunci

(...) che poteva anche incuriosire, ma non doveva necessariamente essere letta in senso negativo: il proprietario del locale, un cittadino giordano di anni 36, cercava «solo ragazze».
Il perché lo ha raccontato poi una delle sue vittime alla polizia che ha denunciato l’uomo per violenza sessuale, ottenendo dalla magistratura nei suoi confronti la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Ecco la storia. Il 18 luglio scorso una 17enne genovese ha risposto ad un annuncio riportato da un quotidiano genovese con il quale il titolare della pizzeria, assumeva in prova, con mansioni non indicate, «solo ragazze». Il primo giorno di lavoro la minore è stata però subito oggetto di attenzioni particolari da parte del propietario che con una scusa l’ha attirata nei pressi del bagno dove, mentre la tratteneva per un braccio, l’ha palpeggiata pronunciando nel frattempo frasi oscene. Dopo essersi divincolata, la giovane è tornata a casa e ha raccontato tutto alla madre.
Il giorno successivo è stata accompagnata dai genitori all’Ospedale Galliera ove i sanitari hanno riscontrato lesioni giudicate guaribili in 7 giorni. Immediatamente sono scattate le indagini per verificare quanto riferito dalla diciassettenne. Gli investigatori non escludono che l’indagato abbia adescato altre ragazze con la stessa tecnica, e invitano possibili altre vittime a denunciare il fatto alla polizia.
Un’altra storia di tentata violenza ai danni di una donna arriva invece dalla stazione Brignole, dove venerdì mattina una quarantenne di Pavia è stata aggredita e palpeggiata, intorno alle 6,30, da un giovane dall’accento napoletano. L’accaduto è stato ricostruito dalla stessa vittima nella sua denuncia fatta ai carabinieri. La donna si era avvicinata al giovane per chiedere un’informazione sui treni per tornare a casa. Ottenuta la risposta, era uscita dalla stazione in attesa dell’orario del treno di partenza. Arrivata in una via poco distante, la donna è stata aggredita dal giovane, che l’aveva seguita, il quale, dopo averle alzato la gonna, l’ha palpeggiata e schiaffeggiata. A quel punto la quarantenne ha gridato e il giovane si è dato alla fuga.
Sull’episodio indagini sono in corso da parte dei carabinieri. Al momento non è stato possibile risalire al protagonista dell’aggressione anche se sembra molto probabile che si tratti di uno dei tanti vagabondi che vivono e trascorrono le notti nei pressi della stazione e che spesso aggrediscono i viaggiatori. L’allarme per questi episodi di violenza, soprattutto nei confronti delle donne, è in crescita.