Il maniaco non si trova, ma la procura indaga dodici giornalisti

Con le notifiche di ieri, sono saliti a dodici i giornalisti del Secolo XIX (sei) e del Corriere Mercantile (sei), indagati per violazione del segreto investigativo per il caso del «maniaco dell' ascensore». A comunicarlo sono Marcello Zinola, segretario dell' Associazione ligure dei giornalisti e Attilio Lugli, presidente dell' Ordine della Liguria. I giornalisti sono accusati di pubblicazione di notizie sull'inchiesta, di interviste alle vittime, di possibili identikit. «Forse l'unica soluzione è quella di metterla sul piano dell'ironia - commentano Zinola e Lugli -. Da mesi a Genova molte donne sono state aggredite dal cosiddetto maniaco. Le indagini, tra annunciate possibili soluzioni, fermi di persone, poi rilasciate perché estranee ai fatti “proseguono a 360 gradi”. Ma l' unico angolo di visuale nel quale la Procura genovese riesce a trovare un bersaglio da colpire, è quello dei giornali».