Manifestazione CasaPoundScontri prima dell'inizio:due agenti feriti a Napoli

Nel pomeriggio il presidio organizzato da CasaPound. In mattinata sequestrato un furgone con gli amplificatori. Scontri con la polizia: agenti contusi

Oltre mille giovani di estrema destra, arrivati da tutta Italia, con auto, bus e in treno stanno affollando la centralissima piazza Carlo III a Napoli per una manifestazione indetta da CasaPound. Altri 700 giovani di sinistra, aderenti a vari centri sociali stanno presidiando piazza Cavour, nel centro di Napoli, per una manifestazione indetta contro l’iniziativa intrapresa dai militanti di Casa pound. La lunga via Foria, una delle principali arterie di Napoli separa le due piazze. In mezzo, tra giovani di destra e giovani di sinistra ci sono centinaia di poliziotti in assetto antisommossa che da stamattina stanno presidiando la città per evitare contatti tra le due fazioni. In mattinata le forze dell'ordine e i manifestanti sono entrati in contatto durante il quale almeno tre agenti sono rimasti feriti.

Casa pound voleva un corteo ma il questore di Napoli Luigi Merolla lo ha impedito, concedendo invece un presidio a piazza Carlo III. Anche i centri sociali volevano fare il corteo ma anche a loro è stato concesso un presidio in piazza Cavour. Ciò nonostante i pericoli che estremisti di destra e di sinistra ptessero venire a contatto sono stati evitati dalla questura che ha predisposto un attento piano per evitare che ciò avvenga. Tutte le strade di accesso alle due piazze sono presidiate da agenti del reparto mobile in assetto antisommossa per evitare blitz dall’una o dall’altra parte. Alle prime ore di questa mattina le forze dell’ordine hanno provveduto a sequestrare il furgone, dentro al quale sono stati ritrovati gli amplificatori e diversi caschi, e le bandiere che i manifestanti avevano posizionato in attesa che iniziasse il presidio. Secondo quanto riferisce Casapound, la tensione sarebbe sfociata in u"na carica della polizia" con tre manifestanti feriti e due portati in caserma dai carabinieri. La polizia conferma il contatto fisico e sottolinea che ci sono stati anche due poliziotti contusi. Tre manifestanti sono stati medicati per aver mostrato escoriazioni alla fronte e al capo. Due persone sono in questura per accertamenti mentre, secondo quanto riferiscono gli aderenti al movimento, ce ne sarebbe una terza fermata in via Foria "semplicemente perché ad una perquisizione è stata trovata con dello scotch in tasca".

Nel pomeriggio la situazione è rimata tranquilla. I mille di CasaPound e i 700 dei centri sociali sono stati isolati e molto "distanti" tra di loro nonostante li separino solo poche centinaia di metri. La vigilanza organizzata dalla questura sulle due manifestazioni è proseguita anche al termine dei due presidi per evitare che durante il deflusso le due fazioni estremiste potessero venire a contatto. Prima che i due presidi avessero inizio sono stati folti e attenti i controlli dei poliziotti.