MANPOWER STEFANO SCABBIO

Il primo trimestre del 2009 si annuncia difficile anche in Italia, rivela l’ultimo studio dell’osservatorio Manpower, la più grande multinazionale al mondo di ricerca e selezione del personale. «Però il mercato del lavoro offre ancora ottime opportunità» assicura Stefano Scabbio, ad di Manpower Italia.
Dove sono le opportunità migliori?
«Innanzitutto nel settore edile: considerati gli stanziamenti previsti dal governo nel prossimo triennio, 44 miliardi di euro entro il 2011, e il volano dell’Expo, la domanda di ingegneri e geometri è già in netta crescita. E poi, anche se non mi crederà, ci sono diversi istituti di credito in cerca di dipendenti».
In effetti, i catastrofisti giurano che la banche occidentali stanno tutte per saltare, e che faranno affondare l’economia mondiale...
«Figuriamoci. La realtà è che dopo le difficoltà dei mesi scorsi, gli istituti bancari stanno riorganizzando il loro modello di business. Innanzitutto, sono pronte a investire parecchio proprio nei risk manager: laureati in economia, o meglio ancora in statistica, capaci di calcolare rischi e opportunità dei nuovi investimenti. E poi diverse banche, da Unicredit a Mediolanum, stanno investendo in nuovi call center ad alto tasso di tecnologia, in grado di gestire tutta la fase del customer care».
Che ci sia bisogno di questi «risk manager» non ci sono dubbi. Ma tra tante formule in inglese, anche le banche ora puntano sui centralinisti precari?
«Assolutamente no. In pratica, stanno spostando le attività ordinarie degli sportelli dalle agenzie fisiche a quelle virtuali. Impiegati e funzionari svolgono tutte le operazioni via telefono e via internet: ci guadagna la banca che ha meno costi fissi in strutture, e il cliente che non perde più tempo in fila».
Intanto migliaia di dipendenti delle grandi industrie a Natale si sono trovati in cassa integrazione.
«Anche in momenti così difficili, il consiglio più importante resta quello di investire di più su se stessi, sulle proprie competenze. Aggiornarsi costantemente, in base alle esigenze del mercato».