Mantova capitale della cultura meta "ideale" del 2016

Mille eventi, itinerari, luoghi da scoprire da marzo a dicembre in una delle più belle città d'arte italiane. Dal Rinascimento lombardo alla natura e all'enogastronomia. L'assessore regionale Parolini: "Sarà la porta d'ingresso in grado di svelare al mondo il pregio dell'offerta artistico-culturale di cui è ricca la Lombardia". Pacchetti turistici a tema. Alleanza con Matera capitale europea della cultura 2019

Mille eventi, percorsi a tema, arte e storia ma anche natura e enogastronomia nel segno dei Gonzaga e del Rinascimento. Mantova, la Capitale italiana della Cultura 2016 sarà una delle mete più belle e interessanti da scoprire da marzo a dicembre. E inizia un percorso nuovo, internazionale, che mette al centro la sua tradizione storico-artistica e il suo straordinario patrimonio architettonico inserito nella World Heritage List dell’Unesco dal 2008. Iniziative presentate in chiave turistica alla Bit di Milano che si è appena conclusa e che è stato uno degli eventi più attesi.

"Mantova non è ancora una destinazione turistica consolidata, ma lo diventerà presto, perché è una città bella e con una ricchissima offerta artistica e culturale, oltre che una straordinaria e unica tradizione enogastronomia – ha detto Mauro Parolini, assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia -. La valorizzazione di questo evento sarà interessante anche per fare in modo che Mantova diventi la porta d'ingresso in grado di svelare il pregio dell'offerta che anche gli altri capoluoghi di provincia della Lombardia sono in grado di esprimere, una locomotiva che traina le nostre città d’arte"

Parolini ha sottolineato anche l’importanza dell’accordo sottoscritto dal presidente della Lombardia Roberto Maroni, da quello della Basilicata Marcello Pittella e dai sindaci di Mantova, Mattia Palazzi e Raffaello de Ruggeri di Matera, che unisce la città lombarda alla Capitale europea della Cultura 2019. "E’ il primo passo di un cammino ideale lungo tre anni, che attraversa l'Italia e su cui stiamo già lavorando per valorizzarne le potenzialità turistiche. Lo faremo attraverso azioni condivise dedicate, scambi culturali, progetti e iniziative di comunicazione, che racconteranno le due città e il percorso che le unisce in un viaggio culturale lungo la Penisola".

"Nei prossimi mesi a Mantova sapremo accogliere, intrattenere, stupire e incantare, attraverso valori culturali legati alla tutela del patrimonio, dell’ambiente e della creatività, un pubblico sempre più vasto – ha spiegato il sindaco Mattia Palazzi -, ci saranno oltre 1000 eventi da marzo a dicembre 2016. Siamo convinti che chiunque, bambino, giovane o anziano, potrà trovare nella nostra città motivo di felicità e appagamento dei propri interessi. Siamo impegnati ad offrire iniziative, strutture e servizi sempre migliori, di qualità e a farlo sapere al mondo".

Molte le proposte ideate e organizzate anche per il pubblico internazionale alla scoperta delle attrattive culturali, ma anche ambientali ed enogastronomiche, che hanno reso celebre la città nel mondo. Arte, architettura, archeologia, musica, natura, tipicità culinarie: Mantova durante l’anno svelerà attraverso percorsi tematici inediti tutti i suoi tesori. Dal complesso di Palazzo Ducale, una "città nella città" che si estende dal castello di San Giorgio a Piazza Sordello e conserva meraviglie come la Camera degli Sposi del Mantegna, a Palazzo Te, la villa rinascimentale costruita e decorata da Giulio Romano. Dalla Basilica di Sant’Andrea progettata da Leon Battista Alberti al Teatro Scientifico del Bibiena e alla Basilica Palatina di Santa Barbara.

Le visite si allargheranno al territorio: Mantova è anche Parco del Mincio, l'area protetta che circonda la città con tre laghi e sponde verdi da percorrere, riserve naturali e habitat da scoprire con itinerari in barca, in bicicletta o a piedi che permettono di ammirare la flora e la fauna tipica delle zone lacustri e di vedere i borghi rivieraschi che la circondano. Gli itinerari porteranno anche a Sabbioneta, la cinquecentesca "città ideale" voluta da Vespasiano Gonzaga e San Benedetto Po, abbazia benedettina definita la Cluny lombarda. Da non perdere anche i percorsi tra cultura ed enogastronomia, per conoscere le tipicità dei prodotti e delle ricette di Mantova, la cui cucina è stata definita "di principi e di popolo".

I turisti potranno acquistare la Mantova card a 20 euro, valida 72 ore, che garantisce l’accesso a 15 musei di Mantova e Sabbioneta, l’utilizzo di bus e bici pubbliche e offerte in ristoranti e hotel. I visitatori potranno inoltre sperimentare, grazie all’app creata appositamente per Mantova Capitale, un’inedita interazione tra mondo fisico e mondo digitale: la Phigital City, tutta da scoprire.

ITINERARI A TEMA

Mantova e Sabbioneta, patrimonio dell’umanità dell’Unesco
Due i tour: Mantova e Sabbioneta, splendori del Rinascimento (1 giorno); Mantova, Sabbioneta e Castellaro Lagusello (3 giorni)

Mantova, città d’arte, città di cultura
Duemila anni di storia hanno lasciato testimonianze uniche, dagli etruschi alle opere di artisti come Andrea Mantegna, Giulio Romano e Leon Battista Alberti.
Mantova e i suoi tesori (1 o 2 giorni); Il Percorso del Principe, lo spirito del Rinascimento (1 giorno); Il centro storico, la città romana e medievale (mezza giornata; Mantova e i borghi più belli d’Italia (3 giorni); Mantova e il Settecento (1 giorno); Mantova archeologica (2 giorni).

Viaggio tra la natura
Percorsi a piedi, in bicicletta o sull’acqua alla scoperta dei laghi e della Riserva Naturale Valli del Mincio Luce di Luna (mezza giornata); Mantova e i laghi (mezza giornata); Terra Acqua e Cielo (1 giorno)

Enogastronomia d’eccellenza
Assaggi e lezioni per conoscere una cucina raffinata, che esalta i prodotti del territorio con Alla tavola dei Gonzaga, City Break con cooking class (2 giorni)

Arte e fede
Un tour tra basiliche, santuari, reliquie e arte sacra (2 o 3 giorni)

INFORMAZIONI

Iat Mantova Piazza Mantegna 6, tel. +39 0376.432432 www.turismo.mantova.it info@turismo.mantova.it

Infopoint Casa del Rigoletto Piazza Sordello, 43 tel. +39 0376.288208 info@infopointmantova.it