Il Mantova non cede ma il Toro s’avvicina

Silvano Tauceri

Il Mantova resiste in dieci ad Avellino, resta imbattuto e sempre solitario al comando ma ha ceduto due lunghezze al Torino che s’è imposto di misura sul Cesena nello scontro diretto. La squadra di Di Carlo ha offerto un’altra prova di carattere e con la saggia interpretazione tattica ha dimostrato di avere acquisito la mentalità giusta per amministrare bene la posizione di classifica. Il Torino ha sofferto come sempre, ha sbagliato un rigore con Rosina, decisivo ancora una volta Fantini. Il Verona dilagando a Trieste accentua la crisi ambientale degli alabardati, anche per la decisione del presidente Tonellotto di decurtare gli stipendi a giocatori e tecnici (e fino a quando Vierchowod accetterà la formazione impostagli?).
L’Atalanta a Vicenza, rimontando due gol e passando addirittura in vantaggio stava per cogliere un importante successo, ma nel recupero finale Benny Carbone ha inventato il gol del pareggio, il primo stagionale dei bergamaschi.