Mantovani ambasciatore dai pm

Non capita spesso che un politico entri nel palazzo di Giustizia di Milano per un incontro istituzionale. Una specie di visita di cortesia. È accaduto ieri, quando il coordinatore lombardo del Pdl, Mario Mantovani, si è infilato nell’ufficio del procuratore di Milano, Edmondo Bruti Liberati. Prove di dialogo tra politica e magistratura, dopo i momenti roventi della campagna elettorale per Palazzo Marino? Tra i manifesti di Roberto Lassini contro i Pm, i casi Clemente e Osnato, l’inchiesta sulle firme false, i motivi di difficoltà non sono mancati. In Procura si parla di visita istituzionale. Fonti del Pdl, interpellate sul motivo della singolare presenza nei corridoi del Palazzo, aggiungono che al centro della conversazione, oltre al confronto sul clima teso della campagna elettorale, sarebbe stata la volontà di lavorare alla moralizzazione del partito.