Il Manzoni ricorda Walter Valdi

Viviana Persiani

Da stasera a sabato 3 giugno alcuni dei comici più affermati delle arene televisive si esibiranno al Teatro Libero in una serie di esilaranti comizi comici nell’ambito di Elezioni ridicole 2006/07: vota LIBERAmente!!!. Il programma prevede il 29, Alberto Patrucco in «Vedo Buio!»; il 30, Bove e Limardi in «Per fare chiarezza»; il 31, Margherita Antonelli in «Petali»; l’i giugno I Papu in «Siamo uomini o calamari?»; il 2 e il 3 Stefano Chiodaroli in «Per piacere, per cortesia, per favore!».
Al Teatro della Memoria, questa sera, andrà in scena Il Belvedere, verifica del laboratorio tenuto da Enrico Bertorelli, con lo stesso Bertorelli e Stefania Colombo.
Domani, allo Strehler Milva canta Brecht. Del recital, l’artista dice che «ha avuto molte edizioni, ma di cui oggi presentiamo una versione che, a mio avviso, rappresenta un "florilegio", un’antologia di tutte le altre versioni».
Martedì, al Teatro Grassi, Ascanio Celestini presenta Live - Appunti per un film sulla lotta di classe. «Live racconta fatti di cronaca, ma non è giornalismo. Live si occupa di avvenimenti storici, ma non è una lezione. Live utilizza il teatro, ma non è uno spettacolo. Live è propaganda politica, ma non è a favore di nessun partito».
Il 30, al Teatro Manzoni serata speciale con Walter Valdi, le canzoni più belle. Condotta da Paolo Limiti, la festa rende omaggio al cantante-autore-attore scomparso tre anni fa. Sul palco si alterneranno molti artisti suoi amici: da Visentin a Beruschi, da Lauzi alla Neri, da Iacchetti a Svampa, da Testa a Brivio, un tuffo nostalgico dietro le note di canzoni famose come «Coccodì, coccodà».
Domani, alla Sala Leonardo, debutta Ubu re di Alfred Jarry. «Una regia attenta lascia emergere la drammatica attualità di questa “fiaba” che parla di guerra, seduzione del potere, megalomania e corsa alle armi».
Martedì, al Filodrammatici saranno rappresentate due delle opere vincitrici della recente sesta edizione del Concorso Europeo di Drammaturgia per Giovani. Si tratta di Uomini mediatici di Valeria Donnianni e di Agatina e la Tempesta di Paola Manciagli.
Mercoledì al Teatro Studio Frigia 5, per la regia di Vincent Ronci Gaeta, verrà presentato Annuale In Memoria Di Padre Arsenio, omaggio al padre russo vissuto durante il periodo delle terribili persecuzioni di Stalin. Cinque personaggi rivivono alcuni eventi sanguinari di quei tempi oscuri, a cui il padre sopravvisse.
Nell'ambito del progetto dedicato a Dino Buzzati, «La Milano dei Tartari», mercoledì alle 19 sul Piazzale del Cimitero Monumentale Thomas Otto Zinzi presenterà Piccola Passeggiata.
Il 31, al Sala Fontana andrà in scena La regina di Scozia di Federico Della Valle, con Iaia Forte, regia di Giuseppe Marini.
Giovedì, inizia la stagione al Teatro di Verdura con La molto lacrimevole storia di Giulietta e Romeo, tratto da Romeo e Giulietta di Shakespeare, con Giovanna Rossi e Amedeo Romeo, scene e pupazzi di Paola Ratto.