«Mapplethorpe» di Ismael Ivo C’è in ballo fisico e fotografia

Diciannove luoghi, 200 artisti e 80 appuntamenti in giro per la città

Undici ore di spettacoli, danze urbane, lezioni aperte, incontri, presentazioni di libri, proiezioni video... Oggi una girandola di attività animerà la città per festeggiare la Giornata Internazionale della Danza che quest’anno, grazie alla partecipazione dell’Unicef, dedica particolare attenzione al mondo dell’infanzia.
Diciannove luoghi, oltre duecento artisti coinvolti, ottanta appuntamenti. Questi i numeri del percorso urbano che si snoderà dal centro, cuore dell’avvenimento, agli spazi più decentrati della città. Per esempio alle 10.30 in Galleria Vittorio Emanuele sono in programma giochi dedicati ai bambini, seguiti da numerose performance, anche improvvisate. Nel pomeriggio in Parco Sempione sarà possibile seguire lezioni di danza contemporanea, mentre al Museo di Storia Contemporanea Lucia Savignano, étoile milanese, parteciperà alla presentazione del libro dedicatole da Valeria Crippa. Alle 16 appuntamento da non perdere al Teatro Smeraldo, dove andrà in scena «Why», l’ultimo spettacolo di Daniel Ezralow. Ma non solo. In questa domenica tutta particolare anche la banchina del tram di piazza Cordusio si trasformerà in una pista da ballo, mentre allo Urban Center (Galleria Vittorio Emanuele) verrà proiettata una selezione di video sulla danza indipendente. Per non parlare delle numerose lezioni di prova, offerte da quasi tutte le accademie di Milano. Infine, evento nell’evento, a concludere la manifestazione alle 21, sarà Ismael Ivo, danzatore e coreografo di punta del teatrodanza contemporaneo e direttore del V Festival Internazionale di danza Contemporanea alla Biennale di Venezia. Al Teatro Arcimboldi Ivo presenterà, in prima visione milanese, lo spettacolo «Mapplethorpe», presentato con grande successo alla Biennale Danza 2002 e dedicato al celebre fotografo e artista prematuramente scomparso, Robert Mapplethorpe.
Dunque una giornata ricca di appuntamenti che mira ad aprire il mondo della danza alla città. «A Milano ci sono moltissime eccellenze e devono essere scoperte, valorizzate e comunicate - ha spiegato l’assessore Terzi - ognuna delle realtà artistiche e culturali esistenti in città ha portato il suo contributo per la creazione di un programma di alto livello».
Tranne gli spettacoli di Ivo ed Ezralow le attività saranno tutte gratuite. Informazioni: 02/541781 - 334/9985224 o www.milanodanza.org.