María Venegas de la Torre

Si chiamava María Natividad ed era nata nel 1868 in un paesino messicano dello stato di Jalisco, Zapotlanejo. Aveva undici tra fratelli e sorelle e la sua era una famiglia di condizioni abbastanza modeste. Non c'erano scuole al paese e imparò a leggere e scrivere grazie al padre e a un'amica di famiglia. Aveva sedici anni quando morì sua madre e diciannove quando morì anche suo padre. I dodici figli, alcuni dei quali ancora piccoli, dovettero venire distribuiti tra i vari parenti; lei toccò a una sua zia. Nel 1898 entrò nell'Associazione delle Figlie di Maria. Intanto, la diocesi di Guadalajara aveva completato un ospedale nel quale prestarono servizio le prime cinque Figlie del Sacro Cuore, un gruppo di pie laiche creato nel 1886 dal canonico Atenógenes Silva y Alvarez Tostado. Ma nel 1892 il canonico era stato fatto vescovo di Colina ed aveva dovuto trasferirsi. Nel 1905, dopo un corso di esercizi spirituali, la Venegas si aggregò al gruppetto e, preso il nome di Maria di Gesù Sacramentato, cominciò a darsi da fare affinché la pia unione diventasse una congregazione religiosa a tutti gli effetti. Nel 1912 fu nominata vicaria e nel 1921 eletta superiora generale. Mentre scriveva la regola scoppiò la persecuzione anticattolica governativa e la famosa guerra dei Cristeros. Solo nel 1930 le sue suore poterono avere l'approvazione ufficiale ecclesiastica. La fondatrice morì nel 1959 di embolia cerebrale. I suoi resti si trovano nella cappella dell'Hospital Sagrado Corazón di Guadalajara. Giovanni Paolo II l'ha beatificata nel 1992 e canonizzata nel 2000. www.rinocammilleri.it