Marassi meglio per il golf

Siamo vittime o complici? Potrebbe essere il titolo di un giallo, ma è solo una fotografia del campo di Marassi! Si fa presto a dire «campo di patate»: i nobili tuberi potrebbero offendersi, non darebbero il meglio di sé nel tappeto non erboso del glorioso Ferraris. Neppure le patate crescerebbero nella sabbia! Eppure tutti tacciono, salvo i calciatori avversari che svincolati da politici orpelli se ne infischiano degli assessori che si sono avvicendati nei fallimenti e denunciano lo stato dell’incolto terreno agricolo dove giocare a pallone è un eufemismo.
Ci sorprende che uno come Plinio non colga «la palla al balzo» (movimento che nello stadio è impossibile anche a Flachi) per assestare una bella denuncia al Comune reo di incompetenza vivaistica! Qualcuno si rende conto dell’evolversi di un problema che neppure i Verdi riescono a comprendere e nessuna «margherita» può risolvere? Sveglia tifosi! Chiediamo a Garrone di trapiantare un campo da golf a Marassi... le buche non mancano e quattro bandierine ai lati ci sono!