Maratona Domani il centro sarà «off-limits» fino alle 17

Tutto pronto per l’edizione numero 15 della Maratona di Roma che si corre domani. Partenza e arrivo sono previsti in via dei Fori Imperiali; per la versione amatoriale da 4 chilometri partenza da via dei Fori Imperiali e arrivo a Colle Oppio. Il piano salva trasporti prevede la rivoluzione della rete di trasporto, con il prologo di ieri notte, per l’allestimento delle strutture in via dei Fori Imperiali, e tre fasi nella giornata di domani, quando, durante lo svolgimento della maratona, 14 linee di bus saranno sospese, altre 46 (compresi i tram 8 e 19) limitate e 9 deviate. Due, invece, le linee soppresse per l’intera giornata. Il Comune, inoltre, ha richiesto la chiusura dei cancelli della metro B Colosseo che danno sulla piazza. I treni, quindi continueranno a fermarsi ma la stazione sarà accessibile da largo Agnesi. Domani la prima fase del piano «salva trasporto» scatterà con le prime corse del servizio diurno, quando via dei Fori Imperiali sarà già chiusa al traffico per consentire l’arrivo degli atleti. Fino alle 8, le linee n2, 60 Express, 75, 84, 85, 87 e 175 verranno deviate. Alle 8, invece, parte la seconda fase del piano che durerà fino alle 17, quando cioè verrà completato lo smantellamento delle strutture lungo il percorso di gara, consentendo la riapertura al traffico di tutte le strade attraversate dagli atleti. In questo arco di tempo, saranno sospese le linee 32, 40 Express, 64, 69, 70, 75, 95, 116, 119, 175, 280, 628, 926 e C2, mentre verranno deviate le linee 118, 200, 201, 301, 446, 673, 766, 911 e C3. Saranno invece 46 le linee limitate ai margini della zona centrale: H, 3, 23, 31, 34, 44, 46, 48, 49, 52, 60 Express, 61, 62, 63, 71, 80 Express, 81, 84, 85, 87, 88, 128, 130, 160, 170, 180, 190, 224, 490, 492, 495, 590, 715, 716, 719, 761, 780, 870, 881, 913, 916, 982, 990 e 991, oltre ai tram 8 e 19. Saranno soppresse le linee turistiche 110 Open e Archeobus. La terza fase del piano, riguarderà ancora via dei Fori Imperiali, chiusa fino alle 23 per lo smantellamento delle strutture.