Marazzi, in Borsa il 15 febbraio a 10,25-13 euro

Marazzi Group, leader mondiale nel settore delle piastrelle in ceramica, prevede di esordire in Borsa il 15 febbraio dopo l’Opvs che si svolgerà, per quanto riguarda il settore retail, dal 6 al 10 febbraio. La forchetta di prezzo è stata fissata fra 10,25 a 13 euro, pari a un valore dell’operazione di 300-400 milioni. Le risorse che saranno raccolte con la quotazione non serviranno a ridurre l’indebitamento, sceso a fine dicembre a 280 milioni (a fronte di un patrimonio netto di 400 milioni) ma per acquisizioni, «principalmente in Usa, Russia e Cina», ha detto l’ad Michele Preda. Non ci sono acquisizioni in vista invece in Italia. Nel 2004 Marazzi ha raggiunto un risultato netto di 14,2 milioni con un ebitda di 102,8 milioni (più 9,1%). In crescita anche il fatturato di 776,6 milioni . Una crescita che sarà confermata dal bilancio 2005 e per il 2006, ha detto ancora l’ad.