Marca sicuro: "A giugno Ronaldinho è del Milan"

Il presidente del Barcellona Laporta avrebbe promesso il brasiliano al presidente Berlusconi e ci sarebbe già l'accordo col fratello procuratore. Affare da 60 milioni di euro

Barcellona - Il presidente del Barcellona Joan Laporta ha deciso: tra un anno cederà Ronaldinho al Milan. Lo scrive, sia nell’edizione cartacea che su quella on-line, il quotidiano sportivo spagnolo Marca, precisando che "il magnate, ed ex primo ministro, italiano ha ricevuto una promessa formale da Laporta per negoziare il trasferimento del brasiliano". Tutto però, e della cosa è già stato messo al corrente il fratello-procuratore dell’asso di Porto Alegre, Roberto de Assis, è rimandato all’estate del 2008, per una cifra che dovrebbe aggirarsi intorno ai sessanta milioni di euro.

La promessa "Berlusconi e i suoi collaboratori sono tornati alla carica per Ronaldinho - scrive Marca - facendo un’offerta di 60 milioni al club e anche al fratello di Ronaldinho. Il Barcellona ha detto di no in modo deciso, ma non così l’entourage del giocatore. In ogni caso i colloqui tra Milan e Barcellona sono sempre stati molto cordiali e l’ultimo è finito con una promessa concreta di Laporta: al termine della stagione entrante tratteremo, per questa è impossibile".

I giovani Il Barcellona sarebbe arrivato alla decisione di cedere Ronaldinho dopo l’esplosione, in questi match estivi, del suo nuovo talento Giovani Dos Santos, il messicano di origini brasiliane che ha segnato quattro gol e dato letteralmente spettacolo. E molto si conta anche sul sedicenne attaccante spagnolo Bojan Krkic, l’altro grande talento delle giovanili blaugrana che in questa stagione farà il salto in prima squadra.