Marchionni: «Più profitti per Fon-Sai»

Fondiaria-Sai punta a raggiungere a fine anno un utile netto di oltre 500 milioni rispetto a un obiettivo del piano triennale di 465 milioni. Ad assicurarlo è stato ieri lo stesso amministratore delegato Fausto Marchionni precisando che sul fronte della bancassicurazione il gruppo «sta trattando l’ingresso in Bpm Vita con una quota del 45-46% che potrebbe essere un inizio seguito poi da un successivo consolidamento». L’intesa è comunque vicina a vedere la luce: «Con Bpm avremmo dovuto chiudere tra qualche giorno, ma ci vorranno ancora una o due settimane per mettere a punto alcuni dettagli», ha detto Marchionni.
Stabile la politica dei dividendi per Fon-Sai che, ha proseguito il manager, sarà «uguale all’anno passato. Confermeremo il payout ratio». Per quanto riguarda, invece, la strategia del gruppo in Gemina dopo l’ingresso di Save «ogni decisione è prematura perché non ci sono tutte le carte sul tavolo. L’obiettivo della nostra partecipazione è la creazione di valore e al momento le opzioni non sono chiare». Quanto infine al capitolo acquisizioni Marchionni ha ribadito che la compagnia non ha una grande vocazione sull’estero. «Non siamo avventurosi ma guardianmo con interesse ai mercati dell’Est», ha spiegato citando come possibili Paesi di sbocco la Slovenia e la Romania.