Marciapiedi più stretti

I marciapiedi di Milano continuano a «restringersi», lasciando il posto a nuovi parcheggi. Entro il prossimo ottobre saranno 1,3 i chilometri di camminamenti pedonali che saranno «mangiati» ai marciapiedi a favore di 1.031 posti auto in più. È quanto ha sottolineato il vicesindaco Riccardo De Corato: «Questi interventi - ha spiegato - sono stati richiesti dai cittadini e dalla Vigilanza urbana perché la sosta abusiva rende molto pericolosa la circolazione». Gli ultimi cantieri per i nuovi parcheggi - ha reso noto il vicesindaco - partiranno dopodomani in via Cambiasi (fino a metà agosto) e proseguiranno da fine agosto, contemporaneamente, in via Nullo, in via Abbazia e, a seguire, in via Accademia, per concludersi entro il 15 ottobre. Dopodiché l’intervento proseguirà su altre sei aree della città. Il costo complessivo dell'appalto ammonta a tre milioni 300mila euro, e la durata complessiva dei lavori è di 460 giorni.
Dal 1997 ad oggi i marciapiedi milanesi si sono «ristretti» complessivamente di oltre 44 chilometri e hanno lasciato il posto a diecimila parcheggi. Un’operazione costata 11 milioni e 475mila euro.