Mare «forza 8», due annegati a Sanremo e Celle Ligure

Duplice tragedia del mare nelle acque del ponente ligure, dove sono annegati un cittadino della Repubblica Ceca e un milanese. A Sanremo, all’altezza di Capo Nero, è scomparso in acqua un turista ventiseienne originario dell’ex Cecoslovacchia. Il corpo non è stato ritrovato. A Celle Ligure ha perso la vita un trentasettenne di Milano, probabilmente spinto tra gli scogli dal mare agitato e dal forte vento. Ieri, comunque, un po’ in tutta la Liguria le condizioni meteo hanno reso molto rischioso avventurarsi in mare. Un elicottero e due motovedette della Guardia Costiera della Spezia hanno tratto in salvo davanti a Porto Venere un bagnante che, gettatosi in mare nei pressi della grotta Byron, non riusciva a rientrare a riva a causa del mare agitato, con onde alte fino a 5 metri, e del vento di Libeccio a forza 8. L’uomo è stato issato a bordo dell’elicottero con un verricello e trasportato in ospedale.
Sole e mare in burrasca, infine, hanno creato anche a Genova le condizioni per una giornata di intenso lavoro dei militari della Guardia Costiera, che hanno dovuto soccorrere, in sei diverse occasioni, otto bagnanti, un aereo in difficoltà di atterraggio e una barca a vela con tre persone a bordo.
Intanto lo stato di emergenza per Porto Venere è stato chiesto dalla Regione al governo per i danni causati dal maltempo della settimana scorsa. L’annuncio arriva dall’assessore all’Ambiente, Renata Briano. Il borgo della riviera spezzina, patrimonio mondiale Unesco, è rimasto a lungo isolato a causa di diverse frane, mentre il centro storico è stato invaso da terra e detriti caduti dalla collina.