Il mare della Liguria si promuove d’inverno

Pacchetti turistici con corsi di diving, percorsi enogastronomici e tour nei musei della regione In internet un socialnetwork

Sono 45 le immersioni guidate d'autore negli splendidi fondali della nostra regione che da ieri sono in bella mostra sul sito www.liguriadiving.it realizzato in collaborazione con l'Agenzia regionale per il turismo nell'ambito del progetto Liguria Terra di mare. Non soltanto pesci, grotte sottomarine, relitti, corallo, poseidonia e bollicine di ossigeno, ma anche una razionale offerta, sotto forma di pacchetti, che vanno dall'informazione sugli imbarchi per i subacquei ai diving center affiliati, ai ristoranti, agli alberghi e bed and breakfast. Tutto quanto, insomma, per una vacanza non soltanto sotto l'ombrellone in estate, ma anche durante i meravigliosi mesi del periodo invernale quando l'acqua è limpidissima.
L'iniziativa è stata presentata ieri al Salone nautico dall'assessore regionale al turismo Margherita Bozzano insieme alla presidente del Museo del mare Maria Paola Profumo e al direttore generale dell'Agenzia In Liguria Angelo Berlangieri. Non soltanto diving. Liguria Terra di mare include anche le vacanze a tema con i musei del mare e della navigazione, con una nuova guida pocket dei 15 musei da visitare da levante a ponente, e il nuovo progetto per il parco turistico culturale del mare per integrare le ricchezze culturali, delle tradizioni, dei prodotti tipici liguri. Nel sito online si possono visionare una cinquantina di filmati della durata di cinque minuti ciascuno, con immagini che fanno vivere l'emozione di un'immersione subacquea. Tra i luoghi più affascinanti ci sono i parchi marini dell'isola Gallinara, di fronte Alassio, oltre alle tre riserve marine nazionali di Portofino, Bergeggi e delle Cinque Terre. «Con l'obiettivo di destagionalizzare e delocalizzare - ha detto Bozzano - abbiamo avviato alcuni progetti che ruotano intorno all'elemento turistico ligure di maggiore richiamo, cioè il mare. Stiamo lavorando per promuovere un'offerta integrata rivolta al turista che è sempre più esigente. Insomma, fare sistema rilanciando il turismo coniugando enogastronomia, borghi medievali, arte e cultura, sport, per valorizzare non soltanto il mare ma tutte le bellezze paesaggistiche della nostra regione».
«L'istituzione dei musei del mare - ha spiegato profumo - costituisce un polo culturale legato al mare di eccellenza. Ci proponiamo di mettere in rete soggetti pubblici e privati legati a temi culturali, turistici, ambientali, che abbiamo il loro fulcro d'interesse proprio nelle attività marine. Nella nostra nuova guida pocket con inseriti i 15 musei dedicati al mare, abbiamo inserito tutte le informazioni utili per i turisti. dagli orari, a come arrivare, i posteggi, le proposte didattiche, le attività ludiche, i ristoranti, gli alberghi convenzionati. Nel 2009 realizzeremo un'unica card per visitare i 15 musei e che darà inoltre la possibilità di usufruire di prezzi convenienti in hotel, bed and breakfast, ristoranti e trattorie».
«Il progetto - ha aggiunto Berlangieri - fa parte del piano di marketing dell'Agenzia In Liguria che prevede la realizzazione di prodotti e pacchetti turistici concreti per andare incontro anche alle esigenze dei turisti che amano l'all inclusive. Altri esempi virtuosi sono le operazioni Splash e Borghi da gustare che propongono offerte concrete e integrate e hanno riscosso un enorme successo, determinato dall'aumento del quaranta per cento di accessi al sito regionale e da un visibile aumento delle prenotazioni, salutato con favore dagli operatori».
Sul calo di arrivi e presenze dei turisti in Liguria la scorsa estate l'assessore regionale Bozzano ha però messo le mani avanti con un no comment. I dati saranno pubblicati a fine mese.