TRA MARI ESOTICI E MONTAGNE INNEVATE

Dire Francia è un po’ come dire sci. Sì, perché l'Esagono, sicuramente conosciuto per la «Ville Lumière» o il dolce clima della Costa Azzurra, è la capitale mondiale dello sport bianco. Non sono tanto i 4000 impianti di risalita a impressionare, ma soprattutto la presenza di comprensori sterminati, dove è impossibile riuscire a fare tutte le discese in una settimana. Domaines skiables che non hanno paragoni in alcun angolo del mondo, con le piste che passano davanti alla finestra di casa e l'innevamento garantito dalla quota elevata.
La capitale nella capitale è la regione Savoie Mont-Blanc, dove ci sono 110 località, 17 grossi comprensori e 4000 chilometri di piste su una superficie di 752 chilometri quadrati. Chamonix Mont-Blanc, Megève, Le Grand Bornard, La Clusaz, Morzine-Avoriaz, Les Gets, Les Contamines Montjoie, Flaine, Val d'Isère, Tignes, La Plagne, Les Arcs, Courchevel, Val Thorens, Méribel, Les Menuires, La Tania, Valmorel, Valfrejus, Valloire, La Rosière, per citare solo alcuni dei principali comprensori, dispongono di oltre un milione di letti turistici, dal 5 stelle al piccolo hotel di charme, dallo chalet di lusso allo «studio» per vacanze convenienti.
Quest’anno le occasioni di risparmio si moltiplicano, con offerte «early booking», weekend tutto compreso a 50 euro, settimana famiglia (2 adulti e 2 bambini) «all-inclusive» a febbraio a 1000 euro (a Brides Les Bains, valle di Méribel), settimane giovani (19-35 anni, www.yetibox.fr) a partire da 249 euro, skipass incluso. Basta collegarsi al sito www.savoie-mont-blanc.com per avere un'idea.
I due comprensori top per l'offerta sciistica sono quelli delle 3 Vallées e dell'Espace Killy. Il primo è la più grande ski area al mondo, con 600 chilometri di piste e 182 impianti, che collega Courchevel con Méribel, Les Menuires e Val Thorens, mentre l'Espace Killy (Tignes-Val d’Isère) conta 90 impianti e 300 chilometri di piste ed è la capitale del freeride. La destinazione più glamour delle 3 Vallées è sicuramente Courchevel (www.courchevel.com). Qui si può arrivare direttamente in aereo, atterrando sulle piste di sci, l'hotellerie è al top, con 6 hotel cinque stelle, 8 quattro stelle lusso e 4 quattro stelle e la ristorazione può vantare 2 ristoranti con due stelle Michelin, 1 con una stella e diversi chef stellati che collaborano con gli alberghi locali.
La novità della stagione è l'hotel Le Strato, voluto dalla famiglia Boix-Vives, fondatrice dello storico marchio di sci Rossignol. Courchevel vuol dire jet-set, soprattutto nel villaggio sci ai piedi a quota 1850, ma sa offrire anche una vacanza a dimensione famiglia, per esempio nelle stazioni satelliti a quota 1350, 1550 e 1650. Il comprensorio propone piste di ogni livello, dai grandi «boulevard» alla portata di tutti, alle discese sulle cunette dalla Cima della Saluire. Per i principianti ci sono quattro zone «zen» per l'apprendimento, mentre per chi non scia, oltre alle lusinghe dello shopping, ci sono 13 sentieri per le camminate sulla neve battuta e 9 itinerari per le racchette.
Tra le altre destinazioni delle 3 Vallées, da segnalare Val Thorens che con i suoi 2300 metri di quota è la stazione più alta d'Europa. Spostandoci verso l'Espace Killy, invece, si può scegliere tra la charme di Val d’Isère, stazione storica, che ha ospitato l'anno scorso i Mondiali di sci alpino (indimenticabile la discesa lungo la Face de Bellevarde, pista nata per le Olimpiadi di Albertville 1992) e la vacanza frizzante offerta da Tignes.
Due gli appuntamenti da segnare in agenda: a Val d’Isère la rassegna gastronomica «Pistes Gourmandes», dal 15 al 20 marzo, con diversi chef stellati, mentre a Tignes dal 10 al 12 marzo ci sarà la prima edizione fuori dagli Stati Uniti dei Winter X Games, le «olimpiadi» del freestyle. Nella settimana degli X Games, chi acquista uno skipass 6 giorni potrà averne in omaggio un altro della stessa durata. D'altra parte Tignes è la capitale del freeride e le zone «Naturide» offrono la possibilità di avvicinarsi in sicurezza alle discese in neve fresca.
Da quest'anno, inoltre, con lo skipass (a partire da 2 giorni) è possibile anche entrare in piscina o andare a pattinare, mentre chi vuole provare un’esperienza diversa ma sempre nell'acqua, può immergersi nel lago ghiacciato con le bombole. Per informazioni più dettagliate sui comprensori francesi e le offerte di pacchetti neve: www.franceguide.com.