Marijuana fuorilegge anche se usata per curare

da New York

La Corte suprema degli Stati Uniti ha deciso che le autorità federali possono perseguire i malati che assumono marijuana anche se lo fanno su preciso ordine del loro medico. Secondo il massimo organo giudiziario americano, le leggi dei singoli Stati in materia di marijuana per usi medici non mettono al riparo i malati dal bando federale contro l'uso delle sostanze stupefacenti. In dieci stati è permesso l'uso della marijuana per fini medici. La decisione della Corte suprema rappresenta una sconfitta per gli attivisti che sostengono l'importanza dell'uso terapeutico della marijuana. Nel corso degli ultimi anni, dieci stati hanno modificato le loro leggi per permettere ai malati di utilizzare marijuana per alleviare il dolore legato a molte patologie, fra cui il cancro.