Marina Berlusconi: "E' un esproprio Alfano: "Cav sereno per governare"

Il presidente di Fininvest commenta la sentenza: "Gia in queste ore i nostri legali cominceranno a studiare il ricorso in Cassazione. Anche di fronte ad un quadro così paradossale e inquietante, non ci lasciamo però intimorire". Alfano: "Premier sereno per governare" Ghedini: "Vinceremo in Cassazione"

Milano - Quella sul Lodo Mondadori "è una sentenza che sgomenta e lascia senza parole". "Rappresenta l’ennesimo scandaloso episodio di una forsennata aggressione che viene portata avanti da anni contro mio padre, con tutti i mezzi e su tutti i fronti, compreso quello imprenditoriale ed economico". È questo il primo commento del presidente della Fininvest Marina Berlusconi alla sentenza d’appello. "Gia in queste ore i nostri legali cominceranno a studiare il ricorso in Cassazione". Lo afferma il presidente Fininvest. "Anche di fronte ad un quadro così paradossale e inquietante, non ci lasciamo però intimorire", sottolinea, aggiungendo: "Siamo certi di essere assolutamente nel giusto". 

La posizione di Marina "Neppure un euro è dovuto da parte nostra, siamo di fronte ad un esproprio che non trova alcun fondamento nella realtà dei fatti nè nelle regole del diritto". "È indiscutibile - evidenzia il presidente di Fininvest - che questo attacco abbia come principali protagonisti una parte della magistratura (e della magistratura milanese in particolare) e il gruppo editoriale che fa capo a Carlo De Benedetti. E adesso, con un verdetto che nega l’evidenza emesso dalla magistratura milanese, la Fininvest viene condannata a versare una somma spropositata proprio al gruppo De Benedetti. Una somma addirittura doppia rispetto al valore della nostra partecipazione in Mondadori". 

Alfano: il Cav sereno per governare "Il Pdl è al fianco del presidente Silvio Berlusconi con determinazione e con affetto e sottolinea che si tratta di una decisione che, per essere definitiva, dovrà certamente avere il vaglio di altri giudici". Lo afferma il ministro della Giustizia e segretario del Pdl, Angelino Alfano che aggiunge: "Siamo certi che questo episodio non toglierà al premier la serenità necessaria per governare, come ha sempre fatto, nell’interesse esclusivo dell’Italia e degli italiani". 

Ghedini: "Faremo ricorso" "La Corte d’Appello di Milano ha emesso una sentenza contro ogni logica processuale e fattuale, addirittura ampiamente al di là delle stesse risultanze contabili che erano già di per se erronee in eccesso, e addirittura superiore al valore reale della quota Mondadori posseduta da Fininvest" dice l’avvocato Niccolò Ghedini, avvocato del premier, secondo il quale ora la Cassazione "non potrà che annullare la sentenza". Secondo Ghedini la sentenza "è la riprova, se ve ne fosse stato bisogno, che a Milano è impossibile, quando vi è anche indirettamente coinvolto il presidente Berlusconi, celebrare un processo che veda la applicazione delle regole del diritto. E se la Corte d’Appello non sospenderà l’esecutività della sentenza - prosegue l’avvocato del premier - tale prova sarà ancora più evidente. Comunque la Corte di Cassazione non potrà che annullare questa incredibile sentenza".