Marina, Valeria e Nicolas

Sembra che Marina Petrella, l’ex brigatista rossa che il tribunale di Versailles ha scarcerato nei giorni scorsi per motivi di salute e ora ricoverata all’ospedale parigino Sainte Anne, tenga sul proprio comodino un rosario. Fin qui nulla di particolarmente strano: la fede è un mistero e può albergare anche in chi si è macchiato di orrendi delitti. A lasciare perplessi, invece, è la provenienza di quel rosario. Il “sacro omaggio” viene da Valeria Bruni Tedeschi, l’attrice sorella della première dame Carla e quindi cognata del presidente francese Nicolas Sarkozy. Peccato che proprio a lui spetti decidere dell’estradizione o meno in Italia dell’ex br. Insomma, più che un affare giudiziario il caso Petrella sembra ormai un affare di famiglia.