Marino sfida l’emergenza: «Voglio una reazione forte»

Per fortuna a Pasquale Marino non manca l'ironia: «Qualcuno in difesa deve giocare perché io non me la sento...». Mica facile affrontare l'Udinese e lo spauracchio Di Natale senza cinque difensori: Antonelli (lesione di secondo grado al retto femorale: quattro settimane di stop), Bovo, Kaladze, Moretti e Dainelli. «Siamo in grandissima difficoltà a causa delle defezioni in difesa, ma abbiamo voglia di fare bene - dice il tecnico siciliano che oggi debutterà a Marassi contro la sua ex squadra- Con l'aiuto della gente dobbiamo cercare di dare il massimo. Bisogna correre dal primo all'ultimo istante. Mi aspetto la reazione giusta dopo la partita di Cagliari». Quella che hanno chiesto anche i tifosi venuti giovedì a Pegli. Non è stata una visita di cortesia. Il pubblico non ha digerito le due scoppole prese da Napoli e Cagliari e ora si attende una risposta forte dalla squadra. Marino spegne le polemiche: «La gente ci chiede quello che ci ha chiesto anche il presidente, quello che chiede l'allenatore e quello che vogliono gli stessi giocatori». Sangue, sudore e lacrime. «È un momento particolare in cui tutti devono dare qualcosa di più e fare qualche sacrificio. A causa dell'emergenza in difesa dovremo adattare qualcuno in ruoli non consoni alle sue caratteristiche», preannuncia il tecnico. Così Rossi farà il centrale difensivo e Constant il terzino sinistro. Sfuma l'ipotesi di Marchiori titolare: «Contro l'Udinese buttare i giovani nella mischia significa mandarli allo sbaraglio». Marino non svela con quale modulo il Genoa affronterà la squadra di Guidolin, ma il tridente non è così scontato. «Tre attaccanti vanno supportati bene». Ci vuole un centrocampo di muscoli e corsa: Biondini, Veloso, Kucka con Merkel pronto a trasformare il 4-4-2 in 4-3-3. Tandem d'attacco formato da Palacio (« ha recuperato bene, ma non so quanta autonomia abbia») e Gilardino pronto al debutto a Marassi. Resta a casa Zè Eduardo non convocato e sempre più vicino al ritorno in Brasile. Nell'Udinese, oltre ai calciatori impegnati in coppa d’Africa, mancherà anche Domizzi, ko nella rifinitura.