Maroni: «Tfr, il nodo è finanziare le imprese»

Il nodo da sciogliere nel confronto sulla previdenza complementare è quello «del finanziamento delle imprese che smobilizzano il Tfr». Lo ha detto ieri all’agenzia Ansa il ministro del Welfare Roberto Maroni, in vista dell’incontro con le parti sociali di martedì. L’esponente leghista, che invita a tenere il referendum consultivo sulla lira con le Politiche del 2006, si dice «ottimista» per l’accordo con i sindacati. Nessuno spazio, invece, per variazioni sull’equiparazione tra fondi chiusi e aperti. «Mi aspetto che i sindacati passino dalle parole ai fatti, finalmente», ha commentato Maroni sul rinnovo del modello contrattuale.