Marta diventa civica per un altro mandato da sindaco

(...) il candidato per Tursi. «Spero che il centrosinistra smetta di farsi del male da solo con questo il balletto al quale la gente non si appassiona - si sfoga Nicolò Scialfa, consigliere regionale Idv -. Non vorrei che al Comune finisse male come accadde con Giancarlo Mori in Regione», quando la vittoria andò al centrodestra guidato da Sandro Biasotti. Se non ci facesse nessun passo indietro sulle elezioni primarie allora Idv è decisa ad andare per proprio conto «e siamo disponibili a sostenere Vincenzi se decidesse di procedere con un progetto del genere».
I dipietristi spingono perché l’attuale primo cittadino rompa con i democratici, ma per sciogliere ogni nodo sul suo futuro il sindaco attende di chiudere la partita del bilancio tirando le fila di quanto fatto a ciclo amministrativo ormai terminato. Nella lista civica potrebbero trovare posto diversi membri dell’attuale giunta come l’ex Pdl Pasquale Ottonello, attualmente senza tetto politica, e Bruno Pastorino, esponente del Sel in rotta con il suo partito che ha scelto di sostenere Marco Doria alle primarie. Della partita potrebbe essere anche Alessandro Arvigo, capogruppo de «La Nuova Stagione» a palazzo Tursi (la civica della Vincenzi nel 2007), e il consulente del sindaco per il decentramento Luigi Picena oltre ad Alberto Villa attuale uomo ombra del sindaco.
Non solo, ma lo schieramento pro Marta potrebbe arricchirsi degli attuali sostenitori di Marco Doria una volta chiusa la partita delle primarie. Dalla parte della Vincenzi ci sono anche gli assessori pidini Simone Farello e Gianni Vassallo che, realisticamente, è difficile possano lasciare il loro partito per quella che comunque appare come un’attraversata nel deserto.