Martedì con il Brescia Genoa in campo alle 15

Che non fosse un campionato regolare lo si era capito da subito, da quando cioè la Juve venne retrocessa semplicemente in serie B. Ma ora c'è un elemento nuovo effetto del post Catania. Il palazzo del calcio, pervaso da un'ondata di finto garantismo, ha deciso di giocare al Lotto e così ogni settimana vanno in scena le estrazioni che fissano gli orari delle partite ora alle 15 ora alle 20.30, ora alle 18 ora alle 21 per non dire 20.45.
E così anche il Genoa ne fa le spese. Sabato giocherà alle 15 ad Arezzo, martedì pomeriggio giocherà alle 15 al Ferraris con il Brescia, venerdì sera scenderà invece in campo a Cesena alle 21 (almeno per ora) e il martedì successivo di nuovo al Ferraris forse alle 15, forse alle 21. Follia allo stato puro.
La squadra intanto ha ripreso la preparazione. Per Giuseppe Greco pericolo scongiurato, almeno per ora. La sua caviglia non è peggiorata dopo sabato e gli esami clinici non sono necessari. Ciò che è uscito malconcio dall'incontro con il Lecce è il suo polpaccio destro alle prese con un trauma diretto che ha indotto lo staff medico ha portare 'Lupo' in piscina per un allenamento differenziato. E quindi sabato potrebbe essere disponibile anche se lo staff sanitario va cauto.
Cautela anche per Stefano Botta. Ieri alla ripresa degli allenamenti il giocatore ha lavorato a parte per la contrattura che lo aveva colpito la settimana scorsa a Tortona, a parte anche Cristian Stellini, ma il suo è un semplice affaticamento. Anche perché proprio lui dovrebbe essere il candidato numero uno per sostituire Gaetano De Rosa ammonito sabato scorso e quindi squalificato per un turno così come Fabiano.
La tifoseria si sta intanto mobilitando per Arezzo. Tra i club che hanno aperto le prenotazioni ci sono Acg, Amt, Figgi dö Zena, Grifoni in Viaggio (maggiori info: www.acg2000.it) e Lino Bonilauri.