Via Martignoni Caos consolato, Boni: «Il Marocco dia spiegazioni»

Dopo le proteste della Lega Nord milanese per il degrado in via Martignoni, dove sostano tanti immigrati in coda per entrare negli uffici del Consolato del Marocco, il presidente del Consiglio regionale, Davide Boni, torna sull’argomento. E chiede spiegazioni al console.
«La cronaca di questi giorni - ha detto Boni, che è esponente del Carroccio - mi obbliga ad invitare il Console a riferire quali soluzioni voglia attuare e in quali tempi perché se è vero che il consolato ha il diritto di esercitare le proprie funzioni, è pur vero che i residenti hanno il diritto di vivere tranquilli». «Anche via Martignoni - ha concluso - è ancora a Milano, Lombardia». Già il capogruppo del Carroccio in Comune, Matteo Salvini, era intervenuto per chiedere il trasferimento del consolato in una zona più tranquilla. E a sostenerlo era sceso in campo anche il vicesindaco Riccardo De Corato. «Lo stesso consolato americano - ha spiegato - si sta trasferendo da Turati in piazzale Accursio. E anche altri consolati, da quello russo a quello romeno, sono in aree più decentrate».