Martins va al Newcastle niente Juve per Burdisso

Gin Piero Scevola

Oba Oba se ne va, l’Imperatore resta. La bella favola di Martins nell’Inter si è conclusa ieri quando il nigeriano, rimasto a Milano per un forma influenzale, ha deciso di cambiare maglia e vestire quella, ironia della sorte, bianconera del Newcastle per i prossimi quattro anni. Si è così rotta quella che Massimo Moratti aveva definito la «coppia del futuro» interista, Martins appunto e Adriano che, in virtù della partenza del gemello, dovrà ora rinunciare ai sogni di gloria, ovvero alle sirene che gli arrivano da Manchester e da Madrid.
E pensare che proprio Moratti nei giorni scorsi aveva avuto un ripensamento, non voleva più cedere a titolo definitivo il giovane nigeriano, cresciuto nelle giovanili nerazzurre dopo essere stato acquistato per 500 milioni di vecchie lire dalla Reggiana. A Branca e Oriali era stato chiesto di cercare di piazzarlo in comproprietà, formula che purtroppo all’estero non esiste o di trovare un cavillo che possa permettergli di tornare in futuro in nerazzurro. Obiettivo fallito però perchè, di fronte agli 85,8 milioni finora spesi da Moratti: 24,8 Ibrahimovic, 9,5 Vieira, 6,5 Grosso, 6 Maicon; nessun esborso per Crespo, Maxwell e Dacourt, ma rilevanti ingaggi (9 lordi a testa per Ibra, Vieira, Crespo, tra i 2,5 e i 3,5 per gli altri), facevano comodo i 16 milioni di euro dati dal Newcastle (contro i 20 chiesti originariamente dall’Inter). Con una bella plusvalenza a favore dei nerazzurri che permetterà un ripianamento più moderato a Moratti in sede di bilancio annuale. Le avvisaglie della partenza di Martins si erano registrate già sabato quando il suo agente, Patrick Bastianelli era improvvisamente partito per Londra. Sul tavolo le offerte di Tottenham, Newcastle e Portsmouth e le avance dell’ultima ora di Chelsea e Manchester (persa una punta veloce come Defoe, i due club avevano pensato al nigeriano), con Martins che sperava invece in un intervento in extremis dell’Arsenal, la sua squadra preferita. Ce l’ha fatta invece il Newcastle (c’è anche l’ex interista Emre) che a Martins ha proposto un contratto annuo di 4 milioni, con la firma prevista per oggi o domani.
Ma le uscite per l’Inter (questa sera alle 21,10 affronta in amichevole lo Sporting a Lisbona, diretta Italia 1), che ha chiesto all’Atletico Madrid l’argentino (con passaporto italiano) Maxi Rodriguez non sono finite. A breve se ne andranno anche Carini e Choutos (in Spagna), Coco (Espanyol o Torino), Cesar (Real Saragozza), Solari (Siviglia o Atletico Madrid), forse Andreolli (Siena, Torino o Chievo), mentre Mancini ha detto no alla cessione di Burdisso alla Juventus. Resta il dubbio Recoba: tenerlo o darlo a gennaio a uno tra Catania, Torino o Palermo.