A marzo la raccolta supera i 700 milioni

Raccolta positiva dei fondi comuni italiani ed esteri a marzo per oltre 704 milioni. Secondo i dati definitivi di Assogestioni i fondi flessibili, bilanciati e azionari «sono ancora i prodotti preferiti» mentre in tre mesi gli Hedge fund triplicano la raccolta. Anche il patrimonio complessivo si colloca intorno a quota 614 miliardi (tenendo conto che, a partire da questo mese, nel computo dei dati di raccolta e di patrimonio da inizio 2006 sono censiti i fondi esteri).
Nel corso del mese si consolida la tendenza dei risparmiatori ad abbandonare gli investimenti in fondi obbligazionari e di liquidità. Questa scelta va a vantaggio delle altre categorie che si trovano favorite e continuano il loro andamento positivo.
Anche a marzo la raccolta dei fondi flessibili si colloca in cima alla classifica per categoria. I risparmiatori danno fiducia a questi prodotti e vi collocano circa 3,3 miliardi. Al secondo posto tra le preferenze si posizionano i fondi bilanciati, per questi prodotti la raccolta è di circa 942 milioni. Il buon andamento delle Borse spinge gli investitori ad investire più di 894 milioni in fondi azionari. Una tendenza che si riconferma e che, dall'inizio dell'anno, ha permesso a questi prodotti di raccogliere 2,8 miliardi. Continua a crescere anche la raccolta degli Hedge fund; la categoria raccoglie circa 598 milioni, quasi il doppio rispetto al mese precedente e il triplo del risultato messo a segno a gennaio.
A rallentare la corsa del sistema intervengono i fondi obbligazionari e di liquidità. Il trend negativo si registra ormai da inizio anno. I fondi obbligazionari presentano una raccolta in continuo ribasso e sono negativi per circa 3,8 miliardi. Per i fondi di liquidità rallentano i deflussi, ma questi prodotti sono ancora in territorio negativo per oltre 1,2 miliardi.
I flussi sono positivi anche per i fondi esteri, che con 2,8 miliardi a seguito della loro introduzione nel censimento, contribuiscono a riportare la raccolta complessiva in territorio positivo.