Mascalzone Europeo, vittoria che vale doppio

Staffetta Vascotto-Onorato al timone suoi Jeep Challenge e Rolex Championship

Marco Zucchetti

Non solo Ferrari, non solo Valentino. Non solo le ruote e i motori a rendere speciale questa domenica per la velocità italiana. Lo sport azzurro, quello che alle chicanes preferisce le boe, trionfa anche lontano dall’asfalto. È l’Italia di Mascalzone Latino-Capitalia, che ieri ha festeggiato, nelle acque delle Isole Baleari, la vittoria nel Rolex European Championship della Classe Farr 40.
Il team si è assicurato anche il Circuito Europeo Farr 40, composto dalle quattro prove che si sono disputate a Saint-Tropez, Capri, Porto Cervo e, appunto, Mahon, nelle Baleari.
Giornata di gloria iniziata con la conquista del Jeep Challenge a Porto Cervo, con al timone Vasco Vascotto, e proseguita poi in acque spagnole. Qui, poche ore dopo, l’equipaggio di Mascalzone, stavolta guidato dallo stesso Vincenzo Onorato, ha messo a segno il più strepitoso degli en plein, chiudendo nel migliore dei modi la stagione Farr 40 nel Mediterraneo.
Con Adrian Stead alla tattica, Mascalzone Latino ha avuto la meglio su Twt di Marco Rodolfi e Alinghi, guidata dal patron Ernesto Bertarelli. Grande la soddisfazione di Vincenzo Onorato: «Siamo felici, per me è una delle vittorie più importanti come timoniere. L’equipaggio di Alinghi è il migliore del mondo, non deve dimostrare nulla a nessuno. Quello è compito nostro». Il Team di Capitalia si trasferisce intanto a Newport, negli Stati Uniti, per prepararsi al mondiale organizzato dal New York Yacht Club e in programma dall’11 al 13 agosto prossimi. All’appuntamento clou della stagione lo scafo di Onorato arriva pronto, forte di un’ottima dimostrazione del concetto di «one design», la nuova tendenza nel mondo della vela che vede gli armatori sempre più protagonisti anche al timone.